Non lo credete anche voi?

“Abbiamo capito che i fattori emotivi, emozionali e in genere di cura del sé e dell’altro, incidono sulla durata della vita molto di più del fumo, dei geni, della vicinanza a un ripetitore, del cibo avariato o sofisticato.

…il mio modello…aveva come ipotesi l’evidenza che l’amore, in ciascuna delle sue minute declinazioni, allunga la vita. Forse perché la rende limpida e la orienta. Tuttavia avendo scomposto l’amore in minutaglie che tutti chiamano quotidianità o caso, nessuno aveva inteso la portata rivoluzionaria della nostra idea, nessuno in quell’elenco aveva ricostruito la forma delle felicità possibili e delle fortune, ed è stato meglio così, nessuno ci avrebbe ascoltato e creduto”.

non fidarsi con moderazione #chiavedivolta2

Leggo da un libro che non mi ha entusiasmato tranne alcuni brani:

“Paul Valéry, tra le altre cose, ha scritto Quello che viene creduto da tutti, per sempre, dovunque, ha molte probabilità di essere falso. Dunque la storia non è affidabile, la realtà non è la verità, è tanto vale procedere da soli, con le proprie farneticazioni e i propri amori, anche quando gli amori sono spine e le farneticazioni buche degli imprevisti. […]

[Il protagonista] Si era convinto che le imperfezioni tengono il mondo in equilibrio e impediscono che tutto frani […] ma non bisogna confidarci troppo.”

Dunque è così che la vedo anch’io adesso. Non credo davvero a niente e nessuno. Tanto vale procedere. Così. Esattamente come sono. Con tutte le mie imperfezioni e le mie solitudini.

Qualche volta ho paura. Come sarebbe bello a volte spazzarla via. Così. Con un colpo d’occhio.