sono morta mille volte

colonna sonora [il disordine delle cose]

Ho provato a chiudere gli occhi per vedere.
Volevo vedere cosa e volevo vedere come.
Ho provato a capire che colore fosse.
E invece era luce fortissima come quando non vedi più niente. Non si trattava di capire. Sentire forse. Sì sentire. Fortissimo. Sentire e scomparire.
Era solo dolore.

Sono morta mille volte. Ho l’età che ho. E sono morta mille volte.
Sono rinata anche. Ma quando muori non te ne frega un cazzo. Non t’interessa che rinasci. E non è vero che rinasci migliore. Punterei le mie fiche sul colore dell’intensità mentre tieni duro sulla leggerezza. Perché la rinascita punta tutta sull’intensità che è un po’ come dire spero non sia stato tutto inutile ma lo puoi scoprire dopo, sempre e troppo dopo e solo quando ti guardi indietro. e se non hai tenuto sulla leggerezza è un attimo ritrovarsi con la faccia schiacciata sull’asfalto, con la faccia sotto ai piedi, zitta sotto. la leggerezza è un attimo. la leggerezza sfrigola. è un attimo e voli via.

Sono morta mille volte. Questo lo so. E non so ancora che colore ha. Che sapore ha. Da dove viene e che giri fa. Questo dolore. Ti prende alle spalle, passa dietro alle orecchie, s’infila nell’ombelico e ti sputa fuori dalle narici come quando bevi tanto e ridi forte. Non passa. Resta nelle tangenziali di che? Dell’anima? Della pelle? Di che? Resta e ogni tanto ti entra in circolo come una droga. Ti sembra di morire. Muori. Non serve chiedersi perché. Non serve capire. Basta sentire. Basta. È già tanto. E tu resti.

Mi hai detto prima o poi passerà. Ti ho guardato come si accarezza qualcuno con lo sguardo per dirgli non vuoi capire eppure lo sai. Lo sai che non passerà. Sono morta un’altra volta. Lo sai. Lo so. Ma forse quando dicevi passerà ti riferivi al rancore. Io no. Il rancore non mi interessa molto. Mi arrabbio per un poco, il rancore mi scivola via. Lo cerco ed è già andato via. Non mi ci abituo anche perché forse non è solo mio. Credo sia una roba per cui c’entra il malcelato desiderio di capire. Una roba tipo che mi hanno detto di volare alto quando cadi. Non che lo sappia fare. Mi basta saperlo. Sapere che ogni tanto se vuoi puoi vedere pezzi di cielo. Questo non cambia che una spada giapponese mi ha visto in faccia e ora ride alle mie spalle.

Sono morta mille volte e non c’è verso che mi abitui.
Sono morta poco tempo fa.
Poi però rinasco. Il dolore quello sì resta. Tienimi per mano se puoi.

Annunci

8 pensieri su “sono morta mille volte

  1. E’ solo tempo. Per quanto doloroso spazio e tempo possiamo percorrere, è solo tempo ciò che abbiamo. Cambiamo? Restiamo? La qualità del tempo (?) da che è data? E’ la stessa cosa starsene chiusi in sé in un modo qualsiasi o passeggiare con millanta lucciole sul mare? Boh. A ognuno il suo. Che è fatto di prima durante e dopo ogni attimo. Anche quello apparentemente insignificante. Morire non significa niente. E non è nemmeno difficile, dal momento che lo facciamo continuamente. Camminare è un po’ più complicato.

  2. willy 😉

    aspettatore il mio è che è la stessa cosa. ami tutto non per dire che ami nessuno è che poi diventa tutto rarefatto chiudersi in sé per vedere le mille licciole sulla spiaggia. è tutto un attimo. morire invece è schifosamente difficile. è l’unico momento in cui riesci a vedere davvero gli artigli di ciascuno. credimo morire è difficile. facile dirlo quando sei rinato. perché se hai vissuto sai cosa vuol dire morire. e non ci sono cazzi.
    camminare difficle? certo. ma è difficile camminare lungo la propria strada. credo sia una questione di prospettive e di attese.

  3. Comunque sia, la cosa più difficile è tenersi per mano. Sarà per questo che la Neru ha scritto: “Tienimi per mano, se puoi”. Non se vuoi. Se puoi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...