l'alba dentro l'imbrunire

Home » ammissioni » prove tecniche per essere una che sa scrivere di cucina

prove tecniche per essere una che sa scrivere di cucina

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

lo ammetto pubblicamente. mi sono imbucata a un pranzo di in forno a sinistra.

cioè questi scrivono ricette divertenti sul blog e poi un giorno qualunque si trovano in una cucina gigante, una di quelle che luccicano d’argento ma sono fatte d’acciaio con i cassetti che contengono meraviglie come questi coltelli colorati.

una roba che minimo minimo dici vorrei cucinare anch’io. infatti l’ho detto. ma lo fai per spocchia e un po’ perché se sono già in tanti magari fai solo bella figura e ti lasciano stare. infatti è stato così. no tu no, m’hanno detto. e perché? perché tu non scrivi sul blog.

donc.

fatto niente e mangiato tanto.

ma le cose belle quanto durano? m’hanno intimato che se voglio mangiare ancora devo scrivere ricette sul blog.

ora io ho appena traslocato alla piccola dresda. ma prima, appena entrata nel mio monolocale -quello che sembrava una casa delle fate e ora solo una discarica abusiva- ricordo benissimo che mi riproposi di voler mangiare sano e misi su un minestrone. il minestrone era ghiacciato perché arrivava diretto dal congelatore di mamma. ho pensato e che ci vuole? ho messo su la pentola con quel cubo di ghiaccio e un po’ d’acqua -non so, per non far attaccare il ghiaccio?-. la cosa si faceva lunga allora mi sono seduta sul divano a leggere. mi sono svegliata quando ho sentito odore di bruciato.

boh forse devo migliorare. o forse possono avere pietà di me. mumble mumble.

[le foto dovrebbero essere di oltranzista e sammy]

Annunci

8 commenti

  1. Sammy ha detto:

    Cara Nerurentola, mica potrai sempre giocare con Mosè 😉

  2. neru ha detto:

    del resto nemmeno con averroè.
    vabbè dovrò scrivere di quando ero cuoca sopraffina come ho detto in basso. aspetto che mi arrivi il tavolo da cucina. mi manca l’ispirazione. dovrebbe bastare.

    cmq un ghost writer come lo vedi?

    p.s. usti nessuno mi fa notare che trattavasi di pranzo? mannaia! vado a corregèr…

  3. The quantum death cat ha detto:

    ahahah …
    io una soluzione per migliorare il tuo livello di preparazione culinaria te l’avevo anche proposta (era compresa in tutto il pacchetto …)

    gosth writer lo vedo in lingua e … adoro certi interni! 😀

  4. Bucky ha detto:

    che belli i coltelli, sembrano pastelli colorati…

  5. Bucky ha detto:

    se vuoi te la posto io una ricetta estiva. una specie di sorbetto all’anguria, ma le angurie si trovano già?

  6. neru ha detto:

    sì lo so death cat. che dici, tergiverso bene?
    mi sono persa sul ghost writer, mi dai un filo d’arianna?

    bucky infatti anch’io lo penso, e dire che sono coltelli affilatissimi e giravo con quei robi in mano! roba da film giappo splatter!
    purtroppo è un po’ presto per le angurie! però facciamolo! così saranno pronti al momento giusto!

  7. Bucky ha detto:

    Allora…
    Prendi un’anguria, la tagli a pezzetti e butti la parte rossa nel frullatore, poi prendi il succo che ne deriva lo passi con lo scolino in modo da levare i semi.

    DOPODICHÉ

    Prendi la fecola di patate (oppure si può fare anche con l’amido di mais) e metti in un pentolino 100 gr di fecola per ogni litro di succo d’anguria, lo fai andare a fuoco lento

    Con l’altra metà di succo che ti sei tenuta (te la sei tenuta un’altra metà di succo?) ci metti 100 gr di zucchero e mischi tutto quanto.

    Quando l’anguria che sta nel pentolino diventa un po’ densa ci metti l’altra zuccherata, poi mischi lasci andare un altro poco finché bolle, poi prendi le formine, ci metti dentro e metti nel frigorifero, quando si solidificano e diventano come gelatine mi chiami che vengo a mangiarle.

  8. neru ha detto:

    cioè ma io devo anche misurare quanti litri realizzo del paciugo rosso?
    personalmente preferisco la ricetta che mi dice di tagliare l’anguria a metà togliere tutta la polpa, riempure a metà il contenuto di vodka e rimettere la polpa poi mangiare.
    ma in tuo onore appena trovo un’anguria accettabile lo faccio, solo se vieni alla piccola dresda a mangiarla!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: