l'alba dentro l'imbrunire

Home » alta fedeltà » non me le devi dire

non me le devi dire

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

ci sono parole che mi buttano giù. non dovete usarle in mia presenza. mi viene l’orticaria a sentirle. m’innervosisco. che volete sono fatta così.

ecco le mie cinque parole del disonore:

1. apposito. in alcuni casi è appositamente previsto il suo uso, in tutti gli altri è ASSOLUTAMENTE inutile. burocrati!

2. quant’altro. è che non c’hai un cazzo da dire e pensi di fare la persona colta mettendolo alla fine della tua inutile frase. ignorante!

3. tutte quelle che finiscono con -ina -ino -ini, i diminutivi insomma. dico ma che ti passa per la testa di chiamarmi biondina che poi ti tiro un ceffone? mi pigliano i cinque minuti quando mi chiamano biondina. biondina a chi? sminuisce la mia personalità dissi una volta. vabbè me la stavo tirando. oppure quando ti chiedono hai delle monetine? oppure quando ti dicono “ci metto un minutino” e ti parcheggiano l’auto in mezzo alle palle per venti minuti. ecco io gliela fracasserei l’auto.

4. praticamente. non sai cosa dire? il tuo parlare è teorico? me ne devi dare una dimostrazione pratica ? cosa? cosa è praticamente? che dopo avermene detti quattro in una frase piccola così non mi hai ancora detto nulla e l’unica cosa che posso risponderti è “stringi” o “dunque”?

5. coppino. non so perché, deve essere una storia vecchia. ma vecchia vecchia.

Annunci

21 commenti

  1. The quantum death cat ha detto:

    fantastico! una rilassante top-5 in stile hornbyano!

    1. AGRATIS: l’uso non è tollerabile neanche quando è voluto o come licenza poetica! Fucilazione senza processo.
    2. A: l’uso della preposizione A in luogo della preposizione IN, specialmente davanti agli indirizzi. “vado AL bagno (penale)”, “abito A via mazzini” meritano il carcere a vita!
    3. A: l’uso della preposizione davanti al complemento oggetto! Una sana atroce tortura forse può essere la soluzione.
    4. le particelle MITICIVI pronunciate METECEVE. Disprezzo, soltanto disprezzo.
    5. Le forme tronche e i diminutivi del mio nome, nonché i soprannomi! Mi chiamo XXXXX cazzo!

    S.

    • The quantum death cat ha detto:

      ah già … ovviamente i congiuntivi, ma anche i condizionali sbagliati!

      l’altro alla radio ascoltavo una “Canzone d’amore” di Max Pezzali.
      Carina, orecchiabile, ma mi ha sempre lasciato una nota stonata. Non so cosa.
      Vado alla ricerca del testo. Ecco l’incipit:


      Se solo avessi le parole
      te lo direi
      anche se mi farebbe male
      se io sapessi cosa dire/ io lo farei
      io farei

      … e Pezzali diventò ricco.

      S.

      • The quantum death cat ha detto:

        sarà l’ora tarda,
        sarà che ho il cervello in polpette,
        ma comincio a dubitare di aver testé scritto una cazzata

      • zunstraal ha detto:

        ahahahah,
        caro death cat e così davi dell’ignorante a me per l’inglese, eh?

        ahahahah

        ps.
        lo sai che ti voglio bene … forse 😀

  2. fuliggians ha detto:

    miiiii che maestrina!!!!
    (finisce per ina ma in questo caso è accettabile no? se c’è in De Amicis è valido!)

  3. neru ha detto:

    death cat al 5: ahahaahhahah! allora mi odi! io che ti chiamo ino ino ino e ti dico che non riesco a farne a meno. e poi dichiaro di odiare i diminutivi! ahahahah
    sei l’eccezione che conferma la regola tesorINO mio!

    death e zun piantatela! quante persone può avere ciascun individuo? vi faccio leggere il minotauro di durrenmatt! vi faccio leggere pirandello! o vi faccio internare?

    maaaa farebbe, facesse o cosa? death cat lo sai? ahahahahah

    fulì te ghe rasun ma ieri ho letto 50 volte apposito, dico un apposito senza senso un po’ quelli che ha messo benni nell’ultimo libro. li ho contati sai? 5, 5 cazzo di apposito! dico io! sì…non ho meglio da fare…o forse sìììììì!!!!!! fulì fulì -1!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    cmq poi m’è arrivata una telefonata di uno che finisce sempre le sue ultime frasi con quant’altro… ma altro cosaaaaaaa? insopportabile. stanotte ho fatto il post.

    • The quantum death cat ha detto:

      ocio biondina che ho praticamente già pronto un coppino apposito da rifilarti per questo e quant’altro di cattivo proferirai in futuro da quei ditini piccini che usi per pigiare i tastini sulla tua tastierina ina ina ina!
      Capito biondina?

  4. Scogliera ha detto:

    hihi.
    Quando ho letto COPPINO mi sono chiesta se sera “coppino” per dire “mestolo” o se era “coppino” per dire quello che da me si chiama “cuzzetto” ovvero lo schiaffetto dato sulla nuca a mo’ di sfottò. Non ho potuto esimermi dal consultare L’oli Devoto

    coppino ‹cop•pì•no› s.m., region.
    ~ Nuca, collottola.
    ETIMO Der. dim. di coppa2
    DATA sec. XV.

    Ma poi perché ti sta antipatico “coppino”. A me sembra una parola da vecchio e mi fa tenerezza. Tipo “coppola”.

  5. Kapa ha detto:

    Per me tu eri, resti e sarai sempre una biondOna.

  6. willyco ha detto:

    le parole stronze che fanno il proprio tempo,bisognerebbe fucilare l’inventore della misura in cui, oppure di intrigane, o ancora di perplime e via andare. A che servono le parole gusci vuoti di significato? Per me che la parola l’ho adoperata molto, non servono a nulla se non a rassicurare chi le dice di far parte di una cultura. ‘notte bionda

  7. neru ha detto:

    guarda scogliera a picco sulla semantica, se avessi saputo che avrei potuto dire cuzzetto -che però nella mia testa suona tipo cucuzzetto- la mia vita sarebbe cambiata seduta stante. puLtroppo non è accaduto ciò. peccato.
    e sarebbe andata meglio se a chi mi voleva fare il coppino avessi tirato un mestolo in testa. sì, sarebbe.
    oh ma in sto commento le forme del verbo mi distruggono.
    cmq coppino sta sotto e dietro, coppola sta sopra e si toglie in segno di rispetto. dici che è da vecchio?

    ma chissà chi è sto oli che è sempre così devoto! mi dicevano consulta il devoto oli, chiedi a lui. ma a chi è devoto poi? tu lo sai?

    mi piacciono queste tue sottigliezze cara sco!

    kapa…è un complimento vero? mi sta sul culo anche bambolona, cmq. noto una certa assonanza… 😀

    willyyyyyyy, ciao bentornato! ecco! anche perplime! appunto! bleah! mi sa che hai ragione, le si dice per far parte di una comunità. siamo sempre al gioco delle pecore mi sa! uffa.

  8. Kapa ha detto:

    Non è un’assonanza. E’ una rima baciata.
    ;-*
    Comunque era tipo un complimento…

  9. neru ha detto:

    tipo eh?
    strano tipo sei.
    va là che se baciassi la rima, tu…tu…romantico diventeresti!

  10. zunstraal ha detto:

    neru :‘fanculo no?
    ‘tento te che quel programmino che dobbiamo far te lo faso prima ingoiar!

    😉

  11. NightNurse ha detto:

    io,oltre alle k 🙂 , detesto quelle abbreviazioni tipo LOL o ROTFL o qualsiasi altra puttanata del genere!Ogni volta che le leggo nei commenti sui blog o sui social network mi sale il nervoso!!

  12. neru ha detto:

    zun specchio riflesso! non mi hai fatto niente faccia di serpente!

    night, io non le odio, non le capisco proprio anche se me le hanno spiegate almeno cento volte. che dire…sarò sturda!

  13. Normale ha detto:

    Ahahahahha!Mi ha fatto tanto ridere questo post!Mi hai ricordato le parole della docente di laboratorio d’italiano scritto: non bisogna avere paura nell’utilizzare parole di uso comune come “COSA” o il verbo “FARE”!anche lei è una bilancina(ce l’ha detto a lezione quanti anni aveva e quando era nata-5 ottobre-).E’ una tipa un po’ matta(in senso buono)come tutte le bilancine!:-)

    Ah ma è cambiato qualche cosa del blog?i colori?

  14. neru ha detto:

    non ci smetiamo mai noi bilance eh? parola d’ordine pazzia.
    cmq sono d’accordo sull’uso di certe parole.
    il blog? sìsì cambiato tutto; ha un solo difetto: manca di colore. accidenti. dovrò fare qualcosa. ma solo cercando si trova, no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: