l'alba dentro l'imbrunire

Home » le vite degli altri » a due passi dal duomo i passi che -si- contano sono cento

a due passi dal duomo i passi che -si- contano sono cento

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

c’è un ragazzo nato nel 1977. c’è un ragazzo nato nel 1977 che fa l’attore. c’è un ragazzo nato nel 1977 che fa l’attore e vive sotto scorta. c’è un ragazzo nato nel 1977 che fa l’attore e vive sotto scorta, decisamente è il primo attore italiano a cui capita.

io l’ho visto. e l’ho ascoltato.

si chiama giulio cavalli, fa teatro civile. così si chiama. teatro civile. una cosa che non si dovrebbe fare. o forse sì. quello che davvero non si deve fare, e te lo insegnano subito, è non fare i nomi. ma lui li fa. birichino.

dice nomi e cognomi. quelli della mafia, giù al nord.

li fa con un testo teatrale scritto a quattro mani con gianni barbacetto. un ottimo testo. lirico per un tema così duro. lo spettacolo si chiama “a cento passi dal duomo“. lui giulio cavalli.

racconta i fatti, li mette in fila uno all’altro. t’incolla alla poltrona. t’incolla alla tua coscienza, alla tua consapevolezza. e ti frega. adesso sai. e adesso?

io l’ho visto. e l’ho ascoltato. l’ho applaudito mentre gli occhi della scorta osservavano chi si alzava in piedi o alzava le mani. sai mai.

ora so.

c’è un ragazzo che fa del suo lavoro una passione. c’è un ragazzo che se io fossi in voi andrei ad ascoltare.

le info, le date degli spettacoli, le notizie varie ed eventuali da sapere qui.

Annunci

4 commenti

  1. Margherita ha detto:

    bellissimo, grazie!

  2. neru ha detto:

    grazie a te.
    e grazie a quello straordinario artista che è giulio cavalli.
    in quella sala si percepiva un’emozione davvero solida.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: