l'alba dentro l'imbrunire

Home » ipse dixit » ricominciare

ricominciare

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr





tomba brion

Altre foto

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

sul pavimento carte e libri. non riesco a passare, non riesco a vedere il pavimento, non riesco a capire dove abito: una casa, una discarica o cosa. parlo con me. dà sempre una certa qual autorità al rimprovero. mi dico che sto perdendo il senso delle cose. mi muovo troppo. fermarsi un attimo a pensare. questo sarebbe sensato. fermarsi un attimo a guardare. che poi passi lasci e vai ma qualcosa si dovrà pur trattenere. qualcosa dovrò pur salvare. qualcosa vorrò ritrovare quando sarà il tempo di raccontare. perché raccontare è un tempo lunghissimo e sedimentato. è un metatempo che serve a restare saldi sul tempo, senza batterlo, col ritmo nel sangue.

guardo desolata. non ho voglia. mi si gela il sangue se penso alla fatica, se penso che. devo iniziare, da qualche parte iniziare.

sospiro. braccia lungo i fianchi. giro improvviso su di me. uno, due, tre, stella!

lo sguardo si ferma lì su un biglietto triangolo. e sotto tanti altri colorati. ma sì, parto dai biglietti di auguri. li prendo uno a uno, li rileggo, ricordo.

e infine una frase di cesare pavese.

l’unica cosa al mondo è cominciare. è bello vivere perché vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante.

grazie amica, grazie arkika. oggi inizio da qui. inizio dal riordinare le carte, dall’assegnare un posto ai pensieri, dai pensieri da scegliere, dall’amicizia femmina che ogni giorno mi sorprende e mi fa sorridere se penso a tutte le volte che parlano di odio fra donne.

Annunci

8 commenti

  1. Kapa ha detto:

    A me però il baito, come si dice quì, che c’è in casa tua piace. Non mi aspetterei di trovare la tua casetta diversa da così. Mi fa venire in mente una puntata di Friends in cui Ross va a casa di una ragazza bellissima e ci trova delle strane sorprese e mi fa anche quindi molto sorridere.
    E’ molto cool….
    Pensa nella casa più grande che pazzesca quantità di roba potrai abbandonare al proprio destino sui pavimenti! 😉

  2. neru ha detto:

    primo cosa è il baito? è il marito della baita e dunque più puzzolente?

    e dire che tu l’hai vista bella concia davvero! allora confermi che non si cammina e quando si entra si esclama di default uh signur?

    già pensa quanta roba nella mia nuova casa. oggi c’è stato un altro round della guerra del mattone. dicono che l’avrò a fine anno. seeeehhhh

    ah voglio vedere quella puntata…tu mi riservi strane sorprese…

    • Kapa ha detto:

      Baito uguale casino.
      Mi spiace deluderti, ma non confermo proprio niente. Io me l’aspettavo proprio così.
      No, piano.
      Credevo di citofonare e poter salire subito e non di dovermi subire tutto quel pippone sul non giudicare e bla bla bla. Credevo di poter andare in bagno a svuotare il merlo e non di dovermi sentir dire no sei pazzo non si può nonnonò rischiando un blocco renale. Credevo di potermi sedere sul divano, essendo stanco.
      Però i fogli, i libri, i vestiti e tutto il resto in giro me l’aspettavo. Faceva molto Neru…
      Avrai la casa a fine anno?
      Bastardi.
      Bene. Faremo da te l’ultimo dell’anno allora…

      ps: meglio se non la vedi quella puntata di Friends… 🙂

  3. willyco ha detto:

    credo che quanto a carta e casino, tu sia una dilettante, Neru. 🙂 Epoi è vero anche in una casa nuova si riincasina tutto. Prova a dire ribaita tutto, sembra un camion per la ghiaia

  4. ARKIKA ha detto:

    uh! amica mi sono commossa…

  5. neru ha detto:

    kapino magari potessi fare l’ultimo dell’anno nella casetta nuova! incrociamo le dita vah!
    la riscladerei per l’occasione. si sa…a casa mia si muore di freddo! ahahaah

    sìsì willy è una bellissima parola! anch’io credo che si rincasini tutto! dilettante? madò vorrei proprio vedere!

    amika arkika! bisou! 😀

  6. willyco ha detto:

    insisto Neru, me lo riconoscono tutti e mi hanno candidato al nobel, casomai dividiamo eh… 🙂

  7. neru ha detto:

    ahahah! sìsì sarebbe l’unica possibilità per me di vincere un nobel!
    dai facciamo un ribaito tour!
    willy è ‘na vita che ti devo venire a trovare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: