l'alba dentro l'imbrunire

Home » acqua calda » non di soli ricordi vive l’uomo

non di soli ricordi vive l’uomo

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr





tomba brion

Altre foto

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

nelle storie non è la morale che importa ma lo specchio, l’innocenza di forme incompiute in uno specchio, e di volta in volta, non il vedersi invecchiati ma cresciuti.

è più struggente ricordare una storia o leggersela o viversela? irena conti scrive che i ricordi sono i ladri del tempo presente.

è che ci sono e non ci sono, domandandomi dov’ero e dove vorrei essere.

finisce sempre che sono le coordinate a fare la differenza, non credo la sostanza. le coordinate del ricordo ci spostano su un tempo letterario, perché il ricordo non è mai esatto e non è mai presente.

tuttavia, forse, evocare non ci distoglie dalla meraviglia che potremmo trovare nel tempo presente? io credo che i ricordi siano buoni quando mi aiutano a vedere. sì ma a vedere cosa?

c’è anche un altro modo di evocare, riguarda la memoria. anche se ricordo e memoria sembrano tutt’uno, forse non è vero perché la memoria è intatta, è nostra e al tempo stesso, a volte, collettiva, è struttura portante.

forse ognuno di noi ha un posto dove la memoria si esprime.

io invece ho un luogo dove esiste solo il tempo presente ed è una strada che passa in mezzo a due campi di terra, ora verdi, ora marroni, ora bianchi. lì non c’è passato, non c’è futuro, c’è il tempo immobile del presente. il resto è il tempo lento di memoria passata e futura.

stavo sfogliando un libretto di un certo jaroslaw iwaszkiewicz, e mi sono accorta che i giardini sono luoghi di meraviglia dove si coltiva la memoria.

c’ho pensato oggi a queste banalità, mentre lo sguardo scorreva fra le righe. leggevo che i poeti d’una volta erano felici perché non vedevano un albero solo. vedevano moltitudini di alberi, che nulla minacciava; vedevano foreste, vedevano giardini. forse fra breve non ci saranno più giardini. le immense distese della terra verranno ricoperte di serre dalle luci morte e di fiori che, come tutte le altre cose, saranno frutto della produzione organizzata; niente d’improvvisato, nessuno elemento di sorpresa.

poi ho pensato si vabbè la sorpresa è anche uno stato personale. ma poi ho anche capito che questo non è proprio un post estivo. devo aver fame.

Annunci

9 commenti

  1. crimilda ha detto:

    Sdrammatizzo il post (molto bello), scusa se mi permetto. Ho questa immagine. I poeti di una volta avevano tanti alberi, poi arrivava qualcuno con l’armatura e trallalà passando, via la testa. Tipo highlander. Sarà il caldo? l’ora?

  2. Sammy ha detto:

    che bella la memoria quando irrompe senza essere certa, improvvisa.
    come un richiamo per strada di spalle.

  3. neru ha detto:

    crimilda mi hai ricordato una canzone di de andrè!
    ma che ci fai in piedi alle sei e mezzo del mattino? che accade?
    dai che evabbuò col suo attila e gengis khan ti ha influenzato un po’! 😉

    sammy quell’immagine del richiamo di spalle è bellissimo!

  4. willyco ha detto:

    fame di vivere neru; quella è la fame che ti fa perdere e riannodare percorsi tra libri, occhi e sensazioni

  5. Normale ha detto:

    A me i ricordi fanno capire meglio il presente!

  6. The quantum death cat ha detto:

    parentesi di serietà a proposito dei ricordi:

    ho appena visto, ma solo dopo averlo scaricato,
    un bellissimo film incentrato sulla Memoria da non dimenticare:

    KATYN

    se potete guardatelo
    e spargete la voce.

    indipendentemente da quali possano essere le vostre opinioni storiche o politiche,
    non è giusto che un film del genere passi inosservato

  7. neru ha detto:

    willy eh!

    capire o vedere normale?

    mi pare mi manchi -ma adesso come ti devo chiamare?- provvederò. poi facciamo un post a 4 mani?

  8. Normale ha detto:

    Capire!Se si capisce,poi si riesce anche a vedere!No?! 🙂

  9. neru ha detto:

    non lo so normale. forse no. non sempre anche quando si capisce poi si riesce a vedere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: