l'alba dentro l'imbrunire

Home » recensioni non ragionevoli » l’altezza dei bambini

l’altezza dei bambini

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr





tomba brion

Altre foto

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

dite:

è faticoso frequentare i bambini.

avete ragione.

poi aggiungete:

perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli.

ora avete torto.

non è questo che più stanca. è piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti.

tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi.

per non ferirli.

janusz korczak

a me pare un discreto incipit per un buon libro. è un bambino libro o un libro bambino oppure un libro nella testa di un bambino che però ha scritto un adulto che aveva a che fare con i bambini ma che un po’ bambino lo era anche lui che sennò come faceva a ricordarsi che? lo consiglio.

janusz korczak, quando ridiventerò bambino, luni editrice

korczak nacque il 22 luglio 1878 a varsavia. ebreo, morì nel campo di sterminio nazista di treblinka nel 1942 insieme ai duecento bambini e agli educatori della “casa dell’orfano”, da lui fondata e diretta per trent’anni a varsavia. così, giusto per saperlo.

dalla parte delle bambine, invece; se davvero si vuole leggere dentro la testa di una di loro, consiglio maria stella conte, terza persona singolare, baldini castoldi dalai. una scrittrice che evoca tenerezza e umanità. una scrittrice con voce bambina e penna sicura.

oggi piove e fa un discreto frescolino, sento le vocine dei bambini che parlottano tra loro da qualche parte nel cortile, o al riparo nella loro stanza e allora.

Annunci

1 commento

  1. Elis ha detto:

    Ecco, la cara neru che aggiunge libri alla mia lista, che già è lunga luuuunga.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: