l'alba dentro l'imbrunire

Home » i post degli altri » le parole e il mangiatore di spade

le parole e il mangiatore di spade

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr





tomba brion

Altre foto

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

giravo per blog, leggevo post. poi mi sono imbattuta in un commento. il commento è di baskerville.

ora, devo ammettere che non mi piace molto baskerville. non mi piace per l’umore. cioè quell’umore di maschio quarantenne malinconico e menoso. certo io non conosco baskerville e non so nemmeno se la sua età sta nel range quaranta cinquant’anni e non so nemmanco se è menoso come la maggior parte del suo genere. so di certo che scrive bene però e che hai voglia a diventare bravo come lui a incastrare le paroline. per dire, ne ho di strada da fare io.

quindi il risultato è che talvolta leggo baskerville e talvolta no. leggo e non penso. questo è l’effetto della scrittura bella che non mi dice molto. ovviamente baskerville non leggerà queste mie parole ma se il fato facesse che, mi scuso prima per ogni possibile incomprensione, ché il blogger baskerville è bravo e nulla so dell’uomo che si cela dietro o dentro.

a questo punto perché la meno con sta storia? perché l’altro ieri ho letto un suo commento e mi è piaciuto. io ci ho letto delle cose che magari non sono esattamente quelle che ha scritto e magari non sono nemmeno quelle che leggerete voi, ma io lascio qui la frase perché mi pare che dica una grandissima verità. ecco.

le parole sono armi affilate. trattenerle in gola è un gioco rischioso se non sei un mangiatore di spade. e di non ferire si può anche morire.

Annunci

7 commenti

  1. Sammy ha detto:

    però fanno male anche se le sputi fuori, potresti colpire qualcuno. Che fai? Quale rischio preferisci, ferirti o ferire?

  2. gap ha detto:

    ecco cos’era tutta quella tosse, ier sera..
    ; )

  3. neru ha detto:

    sam hai ragione ma mi domando se ci siano alternative o se la vita va così. che poi io a sta cosa che si può morire per non aver detto mica ci avevo pensato.
    cmq sai colpisci sempre qualcuno e a volte manco te ne accorgi…

    gap istinto di conservazione? grisù nell’anima?

    • eeeeevvvaaabbbeee ha detto:

      le mie parole sono sassi,
      precise,
      aguzze,
      pronte da scagliare
      su facce vulnerabile e indifese …

      • neru ha detto:

        perdonami ma sei un perfetto stronzo allora! giusto per seguire il filone “siamo taglienti” vah!
        o con il temine “mie” volevi essere generico?
        o sei della scuola con gli agnelli leoni e con i potenti co…
        ché poi non so se sia questo il detto esatto. per dire, mi è stato suggerito da chi oggi ha detto trovare le pulci nell’uovo! 😀

      • eeeeevvvaaabbbeee ha detto:


        sono nuvole sospese
        gonfie di sottointesi
        che accendono negli occhi infinite attese

        sono note stonate
        sul foglio capitate per sbaglio
        tracciate e poi dimenticate
        ….
        sono questo le parole
        dolci o rancorose
        piene di rispetto oppure indecorose

        strette tra i denti
        risparmiano i presenti
        immaginate, sentite o sognate
        spade, fendenti
        al buio sospirate, perdonate
        da un palmo soffiate

        Le mie parole

  4. neru ha detto:

    che fossero parole di pacifico mica me n’ero accorta dato che ero appena tornata da un concerto, cadevo dal sonno e avevo le orecchie fischianti.
    questo non vuol dire che ognuno non si debba prendere le responsabilità delle proprie citazioni. quindi resta confermato tutto quello che ho scritto sopra.
    ma:
    1. grande pacifico
    2. ci conosciamo? sai che mi piace o semplicemente piace pure attè?
    3. è vero che una volta inserito il nome, nella formina qui, resta in memoria, ma perché le prime “e” sono 5 e non 3 come tutte le altre letterine del nick? ci sarebbe da discutere neh!
    4. brav! bei gusti musicali!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: