l'alba dentro l'imbrunire

Home » ammissioni » Se la pastella è rossa, con i fiori di zucca è la morte sua

Se la pastella è rossa, con i fiori di zucca è la morte sua

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

Bella l’estate. Per tante cose. Una di queste sono i fiori di zucca. Ma i fiori di zucca per me nascono fritti, altrimenti non sono niente di speciale. Cioè non sono come i papaveri a giugno. No, non per l’oppio, è proprio per quel fiore delicato che cresce lungo il ciglio della strada e per come si apre all’alba, quando tutto sembra rinascere.

Bon, adesso basta poesia. Lo stomaco vuole la sua parte. E la sua parte sa di fritto. E la pastella per i fritti è una roba squisita.

Ora in un momento di grande magnanimità, vi lascio una ricetta meraviglioserrima per la pastella. Poi vi dico che ho combinato sabato sera.

La ricetta

2 cucchiai di amido di mais

2 cucchiai di olio di oliva

2 uova (solo l’albume)

1 tazza grande di acqua tiepida

2 bicchieri di marsala secco o di rhum

Sale q.b.

Mettete la farina e l’amido di mais in un recipiente grande e mescolate. Aggiungere uno alla volta i bicchieri di rhum, i cucchiai d’olio, la tazza di acqua tiepida, mescolando accuratamente sino ad ottenere una crema abbastanza densa. Fate montare perfettamente a neve l’albume delle due uova ed incorporate delicatamente il tutto alla pastella ottenuta.

Chiaramente, nella pastella vanno immersi i fiori di zucca lavati, e quella roba sbrodolosa che ne esce va sbattuta nella pentola quando l’olio è bello caldo.

Bene. Questo in teoria. Che a me piace la teoria, ma alla fine quello che conta signori è la pratica e la bontà del prodotto. Soprattutto quello che conta sta nella creatività e nelle possibilità. Poi sono fatti tuoi, fatti nostri, certamente fatti di qualcuno. Insomma, io la penso così.

Allora, di sabato volevo parlare. Perché sabato siamo andati a fare la cena a base di prodotti dell’orto appena colti. Una meraviglia davvero. C’erano i fiori di zucca.

Bello, ho detto, facciamoli fritti con la pastella. Che hai in casa? Ho chiesto al mio ospite.

Devo aver messo particolare enfasi sull’importanza del marsala o del rhum, perché lui, il mio ospite, timidamente mi ha detto, mah veramente io avrei solo del porto. Va benissimo, ho risposto. Così in assoluta felicità, ho dato avvio alla mia arte culinaria e ho fatto la mia pastella con: farina a muzzo, qualche cucchiaio di olio di oliva, un bicchiere di acqua del rubinetto così come veniva giù, un po’ di sale, e un bel bicchiere di porto. Le dosi ovviamente alla cazzo, a dirla alla mia maniera. Oppure, volendo essere un po’ più fine, ho fatto tutto ad occhio. Comunque il fatto è che alla fine la pastella è diventata rossa e ho pensato fico, poi quando abbiamo mangiato i fiori fritti alla fermata del piatto abbiamo pure detto, buoni! Non so se mi è andata di fortuna. Mah.

Dopo questa esperienza, mi viene da dire che solo tre cose sono fondamentali: la pastella deve diventare densa come il vinavil, bisogna lasciarla riposare un po’ che poi si sfrigola meglio, l’olio in cui frigge deve essere caldo caldo e d’oliva.

Annunci

16 commenti

  1. fuliggians ha detto:

    se non fosse che il vinavil è difficile dal lavare via dai piatti potrei dire che la ricetta variante era perfetta.
    🙂 e ci siamo pure dimenticati delle zucchine!

  2. NightNurse ha detto:

    I love fioridizuccafritti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    io però li faccio col pan grattato….solo perchè è meno sbattimento!! 😀
    buonibuonibuonibuoni

  3. neru ha detto:

    @fulì: oh ospite mio ospite! ma vogliamo parlare dei prodotti del “tuo” orto? madò ragazzo! e vogliamo parlare del pergolato moooolto relax?
    guarda che io mi ero offerta di lavare ma tu volevi fare il maschio faso tuto mi… 😉

    @night: tesora ma allora la prossima volta che ci inviti o mi inviti ME li fai! daidaidai

  4. Sammy ha detto:

    cosa c’è di più bello dell’entusiasmo culinario!!!

    (spot)
    cmq segnalo il blog collaborativo culinario http://infornoasinistra.splinder.com

  5. gap ha detto:

    come si suol dire alla mia tavola, ompastellati e fritti sono buoni anche i bulloni..
    🙂

  6. gap ha detto:

    intendevo impastellati..

  7. Scusa, ma come cazzo fai a metterci le uova nella pastella? Bleach! rovina tutto il sapore dei fiori di zucca. Questo alla mia maniera, per dirla in maniera un po’ più fine: l’uovo non esalta il sapore dei fiori di zucca ma lo “scamazza”. Fine eh? 😛

  8. neru ha detto:

    @sam: ma sai che ho proprio pensato al vostro sitello? volevo pure linkarlo ma non sapevo come. per fortuna che ci sei tu…per fortuna che ci pensi tu! 😀

    @fulì: me spias tesorino ma stavolta in forno a sinistra è di gran lunga migliore di qualsiasi altro link! davvero. mo’ lo linko nel blog roll. non riesco mai ad aggiornare una mazza!

    @gappete: vedi che hai ragione? una cosa sono gli impastellati e una i fritti! e la frutta impastellata? ne vogliamo parlare? anche no mangiamola vah!ma sai che ci sta meglio quell’om di meditazione sull’impastellatura?

    @scogliera a picco sulle ricette fighe: ma non ci metto mica l’uovo! cioè non esattamente! ci metto il bianco montato che rende morbidosa la cosa croccante!
    col rosso poi ci fai lo sbattuetto! sai cos’è lo sbattuetto?
    cmq sì non è fondamentale… infatti non ce lo metto mai -il bianco dico-

  9. willyco ha detto:

    el zavaion Neru, col rosso el zucaro sbatui se fa el zavaion.
    La pastella senz’ovo che pastella è? Io ci aggiungo il prosecco. embè, provate

  10. neru ha detto:

    ahahahahah anche la mia mamma ci aggiunge il prosecco. ma io pensavo che lei non facesse testo…mette il vino ovunque! ahi i veneti…
    bravo! ma quanto è buono lo sbattuetto? madò madò madò

  11. Normale ha detto:

    Non è per rovinare la poesia…ma i papaveri non puzzano?!:)

  12. neru ha detto:

    @normale: perché li usmi?

    @night: madòòòòò buonissimi! 😀

  13. Normale ha detto:

    Usmi?!Comunque io ricordo che puzzano!:D

  14. neru ha detto:

    usmi sta per odori più o meno. adesso mi hai messo la curiosità. ti saprò dire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: