l'alba dentro l'imbrunire

Home » 8 km di post per un lettore » i contributi dei lettori sull’amante perfetta

i contributi dei lettori sull’amante perfetta

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

ho sempre desiderato un blog alla men’s health.

ho sempre adorato fare l’opinionista gossippara e adoro ricevere la posta del cuore. dovrei decidermi ad aprire una rubrica.
per ora tutto questo non avviene e mi accontento delle mail che arrivano a fulì grazie ai post che pubblichiamo insieme.

ce n’era uno che parlava di amanti e una ragazza ha inviato una lettera, raccontando il suo punto di vista.

fulì si vanta di questo, del fatto che gli scrivano, dico.
a me piace pubblicare le lettere che arrivano, perché credo che fondamentalmente mi piaccia condividere. solo le idee e le cose ovviamente, non direi la stesso per le persone. perché certi rapporti sono unici. comunque, è quasi un mese che devo pubblicarla.

forse è arrivato il momento.
mi sono permessa di scrivere perché mentre ero in cerca di risposte, mi sono imbattuta nell’articolo “L’AMANTE PERFETTA”.
non so se esiste l’amante perfetta, però di sicuro chi lo fa, lo vorrebbe essere.
il motivo? bé sono tanti secondo me!!!!

PARTIAMO DALLA MIA PRIMA IPOTESI
la monotonia.
l’uomo in generale (maschio/femmina) è un essere che si annoia facilmente per via della routine. allora cerca qualcuno che lo faccia distrarre, che lo sollevi dal ruolo che può e forse deve avere tutti i giorni: padre, marito, titolare, dipendente, ecc.
pertanto l’amante è una distrazione piacevole, un individuo che controbilancia. né troppo invadente, né troppo menefreghista, ha il giusto peso, ma fa stare sempre sulle spine, e fa sentire l’altro unico.

SECONDA IPOTESI
parlare di tutto.
l’amante deve essere colei/colui che capisce l’altro, che lo ascolta, che non fa domande sulla sua situazione attuale, che non gli chiede di fare paragoni, che sappia parlare di tutto. una specie di geisha/gigolò. colei che lo faccia distrarre. anche se non capisce ciò che sta dicendo, deve
fargli credere che invece lo capisce. l’amante è una specie di rifugio.

TERZA IPOTESI
senza stress -lo stalking dove lo mettiamo? ndb (nota del blogger)-
l’amante perfetto lascia spazio. c’è e non c’è. lui o lei aspetta, non può farsi sentire quando sa
che l’altro è con la famiglia piuttosto che con il fidanzato/a, aspetta che sia l’altro a chiamarlo.

QUARTA IPOTESI la più importante
il sesso.
l’uomo cerca sempre di essere perfetto. quindi anche in un rapporto cerca di essere soddisfatto in tutti i sensi. il marito, fidanzato, deve essere anche un amante e amico. (vale anche per la donna). perché? siamo esigenti.
non a tutti piace il sesso o fare preliminari, però in generale: più cose riusciamo a soddisfare -preliminari, fantasia, sesso/amore- più riusciamo ad assomigliare all’amante perfetto.
il problema principale è avere pazienza a letto!
non tutti abbiamo gli stessi tempi e questo è un problema per le donne.
l’uomo dà per scontato che la donna è come lui. per la donna è difficile riuscire a raggiungere l’orgasmo e se già non ha un buon rapporto con il suo lui, perché magari si offende se lei gli fa notare certe cose, è finita!!! la donna cerca un uomo che invece la sappia “girare come un calzino” e la stessa cosa vale per l’uomo.

per cui la maggior parte delle volte il tradimento è per via del sesso. perché quando entri dentro nella routine, l’atmosfera di coppia perde tutta la magia.
la donna deve saper tenere sempre l’uomo sulle spine, completini, truccata seducente tutto ciò che si fa alle prime uscite, perché alla fine l’uomo è un cacciatore e la donna una preda.

l’uomo purtroppo non deve avere certezze anche se ha un punto di riferimento. l’amante è questo: oggi c’è domani no.

si dica quello che si vuole ma il sesso è fondamentale in un rapporto.
alcune volte puoi fare l’amore, altre volte il sesso.
ci deve essere un giusto mix, ma questo vale anche in una coppia normale. non bisogna mai dare tutto per certo! perché si pensa che il tetto coniugale sia un punto fermo, una certezza però bisogna fare i conti con il nostro essere.

credo che l’amante debba essere solo un “divertimento” e basta.
però qualcuno tramite l’amante è riuscito a cambiare il proprio rapporto di coppia riuscendo a tirare giù quel muro che aveva con il proprio compagno/a, qualcuno è stato fregato perché la donna si è intromessa troppo nella sua vita famigliare, qualcuno invece continua a fare l’amante per puro divertimento perché gli piace il sesso e lo farà fino a quando non trova la persona giusta.

comunque tutto ciò che ho scritto vale anche in un rapporto di coppia.
ci deve essere più dialogo, più complicità, più voglia di crescere insieme e allora anche a letto le cose cambiano. bisognerebbe dedicarsi di più all’altro.
alcune volte bisognerebbe avere e costruire giornate intere di intimità, altre volte bisognerebbe vivere le cose normali condividendo le passioni.

Annunci

13 commenti

  1. Sammy ha detto:

    manca solo che sappia cucinare da dio, cucire, che gli piaccia portare fuori la spazzatura, rasare il prato (bivalente), riesca a parcheggiare in tempi nulli, odi lo shopping, ami il calcio… la mia fiducia nella robotica non è così utopistica

  2. gap ha detto:

    l’uomo è cacciatore non lo sentivo dire dal ’43, quando io, pertini e bearzot…
    🙂

  3. fuliggians ha detto:

    io non mi vanto!!!

  4. neru ha detto:

    madò gap che bei tempi quelli di pertini e bearzot. sono i miei migliori. dici che mi dovrei fare una domanda e dare una risposta?

    fulì di che? delle letterine? seh. allora io non ho sempre ragione! 😉

    sam non ho capito. dici che per ora ti accontenti di quella gonfiabile?

  5. NightNurse ha detto:

    a me basterebbe Martin Gore e tutto sarebbe perfetto!! 😀

  6. willy ha detto:

    mi manca un passaggio: nella comunicazione gli amanti devono saper tacere, affrontare il silenzio come risorsa, come spazio comune da condividere. Si parla troppo, parole come brodo di coltura e poi ci si stanca perchè ci sono troppe domande inevase.

  7. neru ha detto:

    @night: abbiamo un anno per pensarci! pensaci!

    @fulì: ti facevo più intraprendente

    @willy: sono assolutamente d’accordo, troppe parole creano troppa confusione. troppa invasione crea incomprensione.

  8. willyco ha detto:

    mi pareva di aver scritto qualcosa con un titolo analogo, ma il contenuto è un poco diverso:
    http://willyco.wordpress.com/2007/09/18/attesa-3-ovvero-lamante-perfetta/
    prendilo come un contributo per una causa giusta e perdente.
    BNotte Neru 🙂

  9. neru ha detto:

    due amiche mi hanno detto:
    1. un’amante non ruba niente perché l’uomo non lascia quasi mai la moglie
    2. l’amante fa male solo a se stessa

    non sono completamente d’accordo. e poi cmq va considerato anche l’amante maschio.

    essere l’amante è sempre un essere in perdita, è sempre qualcosa di sconvolgente. ma poi alla fine le chiacchiere stanno a zero.
    ha scritto una cosa carina bajani -scrivendo d’altro però- “noi però facciamo quello che ogni comune cittadino con forte senso civico può fare nel suo piccolo: seguiamo i consigli degli psicologi in tv e annuiamo con comprensione. noi ci informiamo e informandoci ci sentiamo al sicuro, nella nostra parte di pianeta”. poi a me parte una canzone brasilera che fa peppè pepepepèèèè peppè pepepepèèèè…

  10. Elis ha detto:

    Mh. non concepisco. non ho mai concepito.
    Per me essere/avere un’/un amante è come stare con un piede in due scarpe.
    Manca qualcosa da entrambe le parti. O comunque è impossibile camminare.
    Io credo che se c’è l’amore debba esserci la dedizione (tralasciando il rispetto e la fiducia, fondamentali, ma non pertinenti al discorso) e se la dedizione non è completa non è tale.
    Perchè, invece di sforzarsi a cercare altrove -visto e considerato che si è già cercato per avere l’attuale partner- non si investe forza e coraggio nel rinnovare il rapporto?
    Siamo troppo comodi noi, il telecomando universale ormai ce l’abbiamo in tasca e non ci pensiamo su due volte ad utilizzarlo. Ma nella vita non si può fare zapping, non puoi pretendere di andartene e tornare a tuo piacimento, senza conseguenze.
    Bisogna avere un po’ di inventiva per non stufarsi, è vero, ed è altrettanto vero che non tutti ne hanno da vendere, ma suuuu, basta cambiare qualche nota per avere una musica diversa!
    Poi, se dopo lo sforzo la noia sopraggiunge comunque, allora prendiamo il coraggio di buttare via quella scarpa e di cercarne un’altra, e se va male, camminare scalzi sull’erba può esser piacevole (basta stare attenti alle cacche dei cani).

  11. neru ha detto:

    sai elis a dire la verità, una volta ho aiutato un’amante a fare l’amante e inoltre non è che non abbia mai desiderato essere amante di qualcuno ma. sono troppo egocentrica per permettermelo, in fondo mi voglio bene e nutro un incondizionato rispetto per le donne anche contro ogni uso o abitudine o inclinazione ancestrale derivata da una società patriarcale.
    detto questo mi diverto a scrivere post come questi ma credo che quando ci si passa in mezzo, tanti lacci saltino, tante parole restino sospese. non tutti hanno avuto la forza, la possibilità o il coraggio di fare certi percorsi. certo bisognnerebbe far sapere, come dici tu, quanto è bello camminare scalzi sull’erba…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: