lo scagagnaro a milano

ché poi ho cenato dai miei genitori. si parlava del più e del meno, a un certo punto mio papà mi ha detto ma non mi resterai mica scagagnaro? cos’è lo scaganaro, ho chiesto. è l’ultimo nato, mi ha risposto, l’uccellino più piccolo che viene sopraffatto da tutti gli altri proprio perché più piccolo. si chiama così perché gli altri gli scagazzano sopra e lo spingono in basso, un concorrente in meno. ho detto, tecnicamente io sono l’ultima nata. poi abbiamo finito per parlare di politica, la tivvù era accesa su la7. c’era cicchitto e la rosi bindi. e ho pensato ma io voglio bene a questa rosi bindi. spero che non sia stato solo perché c’era cicchitto.

ho preso la macchina, che era buio. mi sono fermata al semaforo rosso. ero più o meno la terza. appena è scattato il verde, un’audi dietro di me ha strombazzato. ho guardato il tipo dallo specchietto, gli ho detto ehi bello ho sfasciato un’auto come la tua tanto tempo fa, ci metto un attimo. ha fatto i numeri da circo per arrivare primo al semaforo rosso cinquanta metri più avanti, è scattato il verde ed è rimasto fermo. ho pensato ehi ma questo ce lo deve avere proprio piccolo.

c’è un detto in veneto “beati i ultimi se i primi gha creansa” e a me viene sempre in mente uno spettacolo della cortellesi del 2006 “gli ultimi saranno ultimi”. nostro signore ha detto che gli ultimi saranno i primi ma non ha detto di preciso quando.

intanto tu cosa vuoi esattamente da me? cosa c’è d’invisibile quando la gente cammina distratta in tutto il rumore del mondo?

sono scesa dalla macchina, ho sbattuto la porta. non ho sentito i miei passi. saranno state le scarpe da ginnastica. ma i pensieri rimbombavano forte.

nutrirsi di qualcosa, sopravvivere a qualcosa, e bisogna credere in qualcosa per dannarsi l’anima per qualcosa. sapessi come è strano sentirsi invisibile a milano…

ché poi non ci vedo. ma c’è una strana magia nell’aria. certo so ascoltare. almeno credo. almeno il rumore della pioggia. almeno se l’aria non è piena di me.

9 pensieri su “lo scagagnaro a milano

    • io sono la prima e l’ultima, son scagagnara anche io???
      comunque è desolante esser soli, sembra che c’hanno provato ed è andata male.

      • no tu scaganara no, almeno che la vita poi…sai siamo in tanti…
        elis soli si è sempre, cambia sul chi e come ti sta accanto…secondo me…non so (!) -alert codifica!!!- 😉

        :*

  1. no infatti tecnicamente non aiuta a nascere prima
    cià che sono in vena, disse l’ago alla siringa: mal comune mezzo gaudio. o piuttosto mal gaudio mezzo in comune?
    ma gli ultimi non erano i più coccolati? viaggiate coccolati…a caro prezzo.
    occhei la smetto che è tardi

  2. Anche io sono l’ultima nata di tre figli…quindi tecnicamente sono anche io uno scagagnaro…bene a sapersi!;)
    Ma sei scesa dalla macchina per insultare quel tipo?!;)

  3. sammy dici che sono troppe? come le parole? allora è meglio partire dalla base?
    grazie..sto cominciando a pensare che il template piace a chi è vecchio dentro…a me, per esempio. è un complimento anche…che per certe cose bisogna aver raggiunto una certa dose di vecchitudine mi sa 😀

    normale no non l’ho insultato…penso sempre che ci voglia un certo stile. per dire al massimo gli avrei sfasciato la macchina ma per meno non mi affatico nemmeno 😉

  4. gli scagagnari c’hanno una certa classe… 😉
    invece è strano sì. nessuno vuole essere invisibile…
    invisibiiiiilleeee, quando è taaaardi per dire che non sopravvivo…nanannanàààà…cantava lei…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...