l'alba dentro l'imbrunire

Home » attività decerebrate » are you taking the mickey out of me?

are you taking the mickey out of me?

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

galeotto fu il terriccio e chi lo lasciò sul selciato. da quel momento più non andammo avante. ma fermi in mezzo alla strada a soccorrere il ragazzo con cui ero riuscita a fare un’ora prima una clamorosa figura di merda.

venite con me vi racconterò i fatti che portarono a tanto.

vi dicevo che si doveva festeggiare jules e didg.

ricordarsi le date dei compleanni non è così difficile ma quando si parla di regali, un improvviso vuoto di memoria coglie la più preparata delle menti.
fu così che ci trovammo il giorno stesso dei festeggiamenti, cioè ieri, -a un passo dalle feste pasquali vorrei aggiungere- a spedire email su email come il gioco della patata bollente. io ebbi il coraggio di scrivere non ho il tempo nemmeno per comprare loro un lecca lecca. me ne lavai le mani. sadica ponzia. ma poi i rimorsi sono quello che sono e alla fine mi offrii di trovare carta da giornale per i pacchetti e vecchi fogli colorati per i biglietti.

si decise l’appuntamento per le otto e io, si sa -le prove sono certe-, a quell’ora stavo postando. manco la camicia poi mi riuscii a cambiare. tuttavia è un dato di fatto che quel posto puzza di carne alla griglia, che quando esci sai di pollo allo spiedo, e dunque il mio primo pensiero fu un sonoro chi cavolo se ne frega se porto vestiti sporchi di giornata?

quando arrivai al locale, grazie all’infinita pazienza di taco, solo due mancavano all’appello: uno era il mio ex fidanzato. non mi scomposi nemmeno per tirare un sospiro di sollievo. diedi piuttosto spazio alla mia arte da giocoliera, che mi permise di gettare da un tavolo all’altro, inosservata, una serie di oggetti. nell’ordine: forbice, nastro usato per le decorazioni natalizie, fogli di giornale, penna, foglio verde con due fori per gli anelli.

e già che di giocoliera l’arte vantai, per rincarare la dose, mi misi a chiacchierare coll’amico della jules, peerleu -da leggere con modo e accento inglese grazie-.

andò più o meno così.
peerleu, iou aveere grandeu dubbiou: ma come cazzou si disce mi pigli in girou?
c’è da dire che peerleu è un vero inglese che sembra uscito da uno dei libri di nick hornby. paro paro. io insisto da tempo che io e lui dobbiamo fare prima o poi le scenette di stanlio e onlio. è un testone. dice che quando parlo così -l’italiano stanleinesco per intenderci- non mi capisce.
ma comei? dico. se parrrlou proprio come teu? ma coscì tuo italianou è difficìleu! risponde. vabbè, sono una che non demorde.

ché poi la serata non puoi mica passarla con una sola persona con tutti tutti gli amici che ti girano intorno, come la musica.

allora torniamo pure al tempo esatto dei festeggiamenti, in quel luogo puzzone che un po’ ricorda un locale di menphis o uno di quelli in texas che facevano da scenografia a non è un paese per vecchi.

mi ritrovai in quella selva di chicchiericcio con cipi che giocava a fare l’alfabeto morse col medio, taco, l’unico essere a combinare sempre un guaio materiale, nella fattispecie era riuscito a rovesciare tutto il contenuto della mia borsa sul divano e a scambiare i rimasugli delle mie caramelle di liquirizia per sabbia, jules la festeggiata che pareva avesse una paresi alla faccia tanto sorrideva contenta, didg l’altra festeggiata che portava comode orecchie da elfo con nonchalance, ariel l’unica che con un po’ di lucidità cercava di rifare i pacchetti, il coniuge scusato nel vano tentativo di rifilarmi i colleghi pacco e di farmi da istruttore di canoa, myskin il mio caro caro amico, e strenuo sostenitore delle mie grandissime figure di palta tanto da restiuirmi dignità, fulì che cazziavo per il regalo che aveva comprato con grande sbattimento, più gente varia nonché il nostro buon peerleu.
e parla che ti parla arrivò sto tizio che io ho già avevo visto ma non sapevo dove, che io ricordavo ma non sapevo perché. accanto a lui, la cricri, sfidanzata da tempo. intanto io lo guardavo, lo riguardavo tornando a guardarlo. struggimento puro. poi mi si accese una lampadina -che ormai è certo, trattasi della lampadina della follia- e cominciai a scaraventare addosso al povero malcapitato il suo passato prossimo e trapassato con una serie di rimandi imbarazzanti tanto da far dire alla povera cricri ma neru sei ubriaca? mentre io lucidamente rispondevo macché, non lo sai che al massimo mi ubriaco di sonno?
il fatto è che io a sto tizio feci la radiografia amorosa senza sapere che si era appena messo con la cricri. ecco se la cricri non era al corrente da quel momento sì.

per fortuna poi arrivò il momento di tornare a casa. il malcapitato inforcò la sua moto ma all’ultima curva sbandò sul terriccio e cadde come corpo morto cade. ma si rialzò con atletico fulgore e nostro sommo giubilio senza graffi preoccupanti.

ecco, ci vuole una mente che pensa ad altro per confondersi. come dire, mi sono sentita un po’ in colpa.

p.s. questo post l’ho promesso ieri notte. adesso non mi si può dire più nulla. però basta con i post lunghi neh?

Annunci

8 commenti

  1. peerleu ha detto:

    non capisceu un tubeu

  2. neru ha detto:

    lou sou!
    i ador(e-u) you!
    😀

  3. fuliggians ha detto:

    cazzo! me lo son perso!!

  4. jules ha detto:

    possou commentarei anche iou?? no ..perchè io erou una festeggiatai…e allora possou nou???
    questo post mi fa tanto riderei…ma tantou!!

  5. neru ha detto:

    @fulì: eh tu scappi con la tua turbolenta rosa! dov’eri finito?

    @jules: augureeeeiiiiiiii chouchou! e io sono tantou conteteiii che non zai quantouuuu!
    ma è colpa tua sappilo! e cmq, noui siemou cretinotteiiii, i konwuuu! 😉
    :*

  6. Breta ha detto:

    Le sorprese nella mia vita sono come le ciliegie: dopo aver (re)incontrato con inatteso stupore neru alla festa di compleanno di j, mi ritrovo attore in un blog…Carramba! Complimenti a neru per l’iniziativa…pensate che culo: posso vantare agli occhi dei miei amici la conoscenza di una blogger!?!!!
    Un abbraccio a tutti.
    Max
    PS: per fortuna non mi sono fatto nulla di grave e grazie alle cure pazienti di “cricri” mi sono presto rimesso!!!

  7. neru ha detto:

    oh destino cinico e crudele! ecco come va la mia vita: le figure di merda si aggiungono esponenzialmente. alè! infierisci pure su di me destino cinico e baro!
    ahahahah

    BERTAAAAAAAA ma chi cavolo ti ha detto di sto blog? qui c’è una banda di cospiratori. maledetti!

    ehi ho cambiato il mio nome vero col nick…sai sono stilosa io! 😉

    cmq il mondo è pieno di blogger! e io che ti credevo modaiolo.
    senti per quello che ho scritto…ehmmm, vabbè, dai…

    epperfortuna che c’è la cricri.

    ma devo avere paura la prossima volta che t’incontro? 😀 sappi però che la mia tastierà sarà sempre in agguato. occhio! …hai presente quella mossetta con le due dita -indice e medio- aperte a v che dai miei occhi si dirigono ai tuoi?

    😀

    madòòòòòòòòòòò

    • Breta ha detto:

      Personalmente conosco solo due blogger: tu e Yoani Sànchez…per il resto è stata una piacevole scoperta!!!
      Al prossimo incrocio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: