come d’incastro le parole

io credo che se fossi stato maschio e con l’idea della scrittura, avrei voluto essere gesualdo bufalino.

prima per il nome e soprattutto per l’uso sapiente delle parole.

ché queste non sono buone né cattive, dipende da come le si usa.

bisognerebbe conoscere le parole e l’arte di combinarle come pezzi del lego per poter dare un calcio con un piede quando la costruzione non tiene. perché c’è chi vuol far credere che ci sia una casa quando ha solo costruito una facciata. per non farsi fregare come dei polli d’allevamento. sarebbe meglio essere galline che provano a volare. ma comunque.

non può che essere un genio colui che inizia un suo libro così.

perduta per timidezza l’occasione di morire, uno scrittore infelice decide di curarsi scrivendo un libro felice. ne chiede l’argomento, secondo l’uso, ai cento occhi della memoria e ai solluccheri della gioventù. sennonché, più il racconto va avanti, e si trucca di fiabe, e formicola di luminarie, più lascia varchi fra le righe al soffio del nero presente. non resta allo scrittore che differire sine die la salute, pago d’aver cavato dall’avventura qualche momentanea lusinga ad amare l’inverosimile vita.

partire da questa ipotesi. poi si vedrà che succede.

UPDATE: poi le cose capitano come i massi che rotolano giù da un monte o come le ciliege che una tira l’altra, così mi è capitato di leggere queste parole di virginia woolf

le parole sono oggetti pericolosi, non dimentichiamolo. potrebbe nascere una repubblica da una poesia.

e io, ad essere sincera, avrei tanta voglia di una repubblica. qualcuno ha voglia di scrivere? io la declamo, eh! sono brava.

Annunci

5 pensieri su “come d’incastro le parole

  1. eheheeh, esattamente come quelle! ma non erano fichissime? quanto adoro quel cartone! 😀

    il libro si chiama “argo il cieco ovvero i sogni delle memoria” e non è il suo più bello!

  2. Sì,avevano un che di simpatico quelle galline!:-)
    Ma ancora più assurdo era il gallo che pensava di saper volare e dava lezioni a queste galline!Proprio divertente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...