l'alba dentro l'imbrunire

Home » acqua calda » porca miseria è già l’8 marzo

porca miseria è già l’8 marzo

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr





tomba brion

Altre foto

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

ché le ricorrenze commerciali mica mi piacciono. ma poi penso a tutte le donne che non trovano il coraggio di. a tutte le donne che sbattono la capoccia contro un soffitto di vetro. a tutte le donne che hanno fatto finta di pur di. a tutte le donne che abbassano lo sguardo. a tutte le donne che hanno accantonato un pensiero. a tutte le donne che in fondo sperano parole come quelle che branduardi ha musicato per la moglie. ma soprattutto a tutte le donne che sanno come i fatti valgono molto di più.

se tu sei cielo / è a te che tornerò / e sul tuo seno / le ali piegherò…
per il mio sonno sei notte / e sole al mattino / e tiepida pioggia / sulla terra che ho.
se tu sei vento / vento di mare… / prima tempesta / e poi riparo.
il tuo passo leggero / mi segue sulla via, / sei tu che cammini / sulla terra che ho.
se tu sei tempo / con me tu passerai, / bella stagione, / profumo mi darai… / e vendemmia per noi l’autunno che verrà, / poi le foglie cadranno / sulla terra che ho.
ma tu sei cielo / e a te io tornerò / e del tuo seno / il nido mi farò…
sei la strada accogliente / che il mio passo sa già / e sei vento, sei tempo, / sei la terra che ho.

a. branduardi

Annunci

2 commenti

  1. Elis ha detto:

    Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

    Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
    e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
    Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
    Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
    le coincidenze, le prenotazioni,
    le trappole, gli scorni di chi crede
    che la realtà sia quella che si vede.

    Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
    non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
    Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
    le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
    erano le tue.

    Eugenio Montale.

    (A proposito di parole che vorrei sentirmi dire, per non parlare di “A mia moglie” di Umberto Saba)

  2. neru ha detto:

    è una delle mie poesie preferite in fatto di tenerezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: