l'alba dentro l'imbrunire

Home » recensioni non ragionevoli » moltheni live 12.11.2008 @ magnolia

moltheni live 12.11.2008 @ magnolia

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

moltheni è bravo.

i testi li senti. a volte svolazzano e cadono in poesia.

la musica arriva e ti passa attraverso, fa i suoi giri e ritorna come una moglie premurosa.

moltheni è un clone. gli afterhours e i tiromancino si sono fusi in un uomo, in un gruppo: moltheni.

moltheni pensavo fosse un ragazzo. lo dicono anche le biografie. per me, moltheni sono dei musicisti. un bassista spilungone, un batterista che canta e ripete le parole per dare ritmo al suo lavoro, un tastierista con la faccia buona, un chitarrista immobile che si muove solo se gli vuoi fare una foto, un ragazzo con un cappellino che canta e non guarda, e se lo fa è sotto una frangia che non è frangia ma è comunque troppo lunga.

il cantante -il moltheni ufficiale- cerca l’approvazione del pubblico, la chiede e se neru si indispettisce poi apprezza che è così che si fa, mondo ladro di opportunità e di affetto.

finale da paura. il resto un po’ uguale ma ci piace lo stesso.
moltheni pari serena e violenta / attenta giada e concentrata …
non ho più quell’effetto / non togliermi più dal tuo dentro che
che mi piaceva tanto / e quando dico tanto / credi è molto
cip,cip rinasci e cinguetta che prima o poi arriva giorno / e che giorno mi attende domani

quando domani
quando domani

quando domani

Annunci

2 commenti

  1. NightNurse ha detto:

    decentri tutto il bene che vorrei allontanare
    a tratti percepire
    perché sei così bella che senza di te
    è naturale volere morire
    poter morire per un istante appena
    per poi guardare quel cielo
    a tratti finto e a tratti vero in cui
    in cui ti vedo ruotare
    ma in un’orbita indefinita
    che mi confonde poi,
    la matematica contata su cinque dita..

    ..questa canzone mi spezza..ecco.
    m’è davvero spiaciuto non esserci..

  2. neru ha detto:

    a parte che la matematica spiazza, impazza e spezza, è stato un peccato che non ci fossi. ci rifaremo! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: