l'alba dentro l'imbrunire

Home » Uncategorized » il sogno di martina

il sogno di martina

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

martina aveva un sogno. andare alla festa col vestito rosso. ci sarebbe stato mario.
mario era un bambino biondo con i capelli un po’ all’insù, la faccia da teppa e qualche brutto voto a scuola, ma riusciva sempre a cavarsela soprattutto da quando aveva cominciato ad aiutarlo martina. le stelle di longarone risplendevano ancora più forti quella sera e una musica si sentiva nell’aria, l’elettricità che qualcosa stava per accadere. erano i primi di ottobre e il freddo ancora si dimostrava clemente in quelle valli. martina andò a letto con un sorriso sul viso. qualcuno la chiamò, ci fu un fragore come di tuono, lei si alzò e aveva il suo vestito rosso. mario la prese per mano e cominciarono a ballare, a ballare, su sempre più su fino alle stelle. nessuno le avrebbe mai più cancellato quel sorriso.

in memoria dei quasi duemila morti il 9 ottobre 1963 nel disastro del vajont, il peggior disastro ambientale provocato dall’uomo. ogni volta che ci penso mi si stringe il cuore. non posso farci niente.

Annunci

6 commenti

  1. neru ha detto:

    a pensarci sì

  2. willyco ha detto:

    alla mattina alle otto del giorno dopo, a scuola, entrò il vicepreside e ci disse che la famiglia di un nostro compagno non c’era più e che era tornato a casa. Il vajont era un posto senza distanze e noi vedevamo solo i numeri, gli alpini che piangevano raccogliendo resti sul fiume, la diga in piedi e le facce attonite. Ma non c’era più la casa, i visi, i ricordi, la vita, l’abbiamo capito dopo, non c’era più nulla.

  3. neru ha detto:

    già. grazie willy.

  4. fuliggians ha detto:

    http://www.vajont.net/
    just for knowledge

  5. neru ha detto:

    giusto visto che cazzeggio mentre lavoro qualcosa mi passa via…pure la grammatica! eheheh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: