l'alba dentro l'imbrunire

Home » motivazioni » chi di competizione ferisce…

chi di competizione ferisce…

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

quando la competizione nasce dall’invidia è una gran rottura di palle.

la donna la guardò. non hai passioni tu? le chiese. perché ti interessano le mie?

la donna lo osservò. perché vuoi avere tutto ciò che ho? è anche poco. non hai interessi tu?

i due guardavano la donna e volevano andare un po’ più in là di lei ma mai oltre.

la donna decise di costruirsi una barca. l’avrebbero seguita? anche oltre le colonne d’ercole? bene. poi sarebbero stati cazzi loro.

Annunci

7 commenti

  1. Bucky ha detto:

    una visita fugace, ripasso in nottata a leggere un po’ che si dice nella vita di neru 😀
    la visita fugace per segnalarti una teoria che va a contrastare quella che vige nel tuo blog!

    copincollo da secondopiano

    Charlotte Stretch sul Guardian rilancia una teoria che avevo già sentito, ma di cui mi ero dimenticata. Secondo Marshall McLuhan (ma qualcuno lo legge ancora?) per capire se un libro può piacere, basta leggere la pagina 69. Vi convince? Allora comprate il libro (e/o leggetelo).”

  2. Bucky ha detto:

    dici che sta qui è soltanto una sporcacciona?

  3. neru ha detto:

    nono bucky non è assolutamente in contrasto! diciamo la stessa cosa direi: prendi una pagina a caso e se ti piace è fatta…non guardare gl’incipit e le quarte di copertina…sono fatte per vendere!

    detto questo se sei incline all’eleganza di un voto alto -e poi il numero 30 è decisamente un bel numero- scegli pagina 30; se sei incline a una bella scopata -e il 69 è un ottimo numero- scegli pagina 69. tu come sei? nerd o viveur? 😉

  4. sammy ha detto:

    non si sfugge all’invidia

  5. neru ha detto:

    guarda sammy, è ‘na trggedia! davvero. letteralmente. letterariamente. 😀

  6. willyco ha detto:

    con quello che costa l’indivia ai salariati resta solo l’invidia

  7. neru ha detto:

    eh! mi sa che c’hai ragione, c’hai!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: