de kipli in kipli nel carelo ce meto corado e inda saccoccia un sorriso pettè

volevamo cambiare il mondo, e invece il mondo ha cambiato quartiere.

c’è un giorno per seminare e un giorno per raccogliere…

giovedì andrebbe benissimo…

se i partiti non rappresentano più gli elettori, cambiamoli questi benedetti elettori!

per cambiare veramente le cose ci vogliono le idee. io ci metto questa.

presenti

non ci siamo dimenticati di voi.

non crediate che preso il vostro voto

vi abbiamo voltato la schiena,

che abbiamo rubato la vostra fiducia

per i nostri inconcludenti giochi di potere.

non ci siamo dimenticati di voi.

siamo sempre pronti ad ascoltarvi.

non crediate che siamo sordi alle vostre richieste,

che ignoriamo i vostri bisogni…

che ora che i giochi sono fatti

non ci interessate più.

si ha un bel dire di questo scollamento

tra società e potere!

che la politica è lontana dalla gente!

ma noi non vi abbiamo lasciato soli,

diteci tutto!

noi vogliamo le vostre critiche,

vogliamo ascoltare tutto ciò che volete dirci:

che siano accuse,

che siano proteste,

che siano lacrime,

che siano grida…

non abbiate timore.

…parlate dopo il segnale acustico.

da corrado guzzanti – il libro de kipli – ed. baldini castoldi dalai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...