grandi domande da niente

ieri sera mi hanno chiesto

sei idealista?

ho spostato lo sguardo altrove, lontano e così vicino, e ho pensato.

ho pensato alla miseria del mondo, alla mia miseria, a quello che dicono e poi fanno, alla mia incoerenza, al significato di affidabilità e all’attesa, a chi ho conosciuto e a chi ho rifiutato, a chi mi ha fatto del bene e a coloro che mi hanno fatto male, al bianco e al nero e alla fine di un arcobaleno. ho riflettuto sulle occasioni e le possibilità. ho visto l’orgoglio e le volte che ho abbassato la testa. mi sono ricordata della scritta in un sottopassaggio notata il giorno prima a sara che aveva capito tutto della vita. i buoni non muoiono mai. mi sono passati attraverso i racconti di vite sfiorate, le veglie, i pianti, i sorrisi belli che mi hanno contagiato e tutto ciò che ho accolto. ho pensato ai libri e a una persona china su una scrivania con una penna in mano. ho sentito lo scorrere del tempo.

sono tornata con lo sguardo, ho osservato gli occhi che mi fissavano e ho detto

come non potrei?

7 pensieri su “grandi domande da niente

  1. Bella la frase, chissà chi è Sara? Del resto per gli ottimisti il futuro sarà sicuramente roseo, per i pessimisti nero. Per gli idealisti potrà essere sia l’uno che l’altro, ma sicuramente rosa se ci si impegna perché lo sia.

  2. SAMMY: l’impegno è una gran cosa e il più delle volte una gran palla ma dà grandi soddisfazioni

    ELIS: “cimicivisi” complimentiamo a vicenda e ci essioniamo… 😉

  3. morire per delle idee, l’idea è affascinante, per poco io morivo senza averla mai avuta.

    essere idealisti è una condizione necessaria. Avere dei valori, dei sogni, delle idee e lottare per esse, che siano anche piccole o banali, giuste o sbagliate.

  4. cosa ti è successo bucky?
    ma in fondo forse chi ha visto in faccia la morte riesce a sorridere meglio alla vita. che ne dici?
    mi piace quello che hai detto e mi hai dato quell’ultimo pezzetto di coraggio per una cosa che devo fare. ebbravo.

  5. riesce a sorridere meglio alla vita, dici? può darsi sai, ma a volte i pensieri son così tanti e il ritmo così frenetico che potrebbe capitare di scordarsene di nuovo.
    Comunque non mi sto riferendo in particolare a mie vicissitudini, la prima frase del commento precedente è una citazione che mi pareva calzante. 🙂

  6. azz mica mi ero accorta. in quei momenti lì il ritmo è uno e i penseri azzerati o forse infiniti…forse per quello.
    calzante bucky sì.
    …e tirami una bacchettata sulle mani! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...