l'alba dentro l'imbrunire

Home » inizi » il movimento e la fine

il movimento e la fine

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

galileo: avanti, fa’ muovere il sole.

andrea: bello. ma noi siamo come intrappolati dentro.

galileo: già. anche a me, la prima volta che lo vidi, fece lo stesso effetto. a certi lo fa. muri, calotte ogni cosa è immobile! per duemil’anni l’umanità ha creduto che il sole e tutte le costellazioni celesti le girassero attorno. papa, cardinali principi, scienziati, condottieri, mercanti, pescivendoli e scolaretti: tutti erano convinti di starsene immobili dentro questa calotta di cristallo. ma ora ne stiamo uscendo fuori, andrea: e ci attende un grande viaggio. perché l’evo antico è finito e siamo nella nuova era. da cent’anni è come se l’umanità si stia aspettando qualche cosa.

le città sono piccole, le teste altrettanto: piene di superstizioni e di pestilenze. ma ora noi diciamo: visto che così è, così non deve rimanere. perché ogni cosa si muove amico mio. io ho in mente che tutto sia cominciato dalle navi. sempre, a memoria d’uomo, le navi avevano strisciato lungo le coste: ad un tratto se ne allontanarono e si slanciarono fuori, attraversando il mare.

deve cambiare l’uomo? o il mondo va rifatto?

ci voglion altri dei? o nessun dio affatto?

siamo annientati, a terra, e non solo per burla!

né v’è modo di uscir dalla distretta

se non che voi pensiate fin da stasera stessa

come a un’anima buona si possa dare aiuto,

perché alla fine il giusto non sia sempre battuto.

presto, pensate come ciò sia attuabile!

una fine migliore ci vuole, è indispensabile!

bertolt brecht da “vita di galileo” e “l’anima buona del sezuan”

Annunci

3 commenti

  1. willyco ha detto:

    fine migliore di chè?

  2. willyco ha detto:

    comunque dare aiuto ad un’anima buona migliora la vita di entrambi.
    Notte Neru che tra tre ore mi alzo

  3. neru ha detto:

    se esiste la fine, è bene che le fini siano migliori di quanto ci sembravano, di quanto ci hanno detto, di quanto ci saremmo potuti aspettare. se le fini ci devono essere che siano dignitose. per dire.

    dormi troppo poco. lasciatelo dire. notte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: