l'alba dentro l'imbrunire

Home » conversazioni » un angelo alla mia tavola

un angelo alla mia tavola

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

guarda! ti piace? sono i miei libri. biancaneve e i tre porcellini.

ecco, la vedi?

chi è? la strega?

no, la regina.

mi guarda soddisfatto con i suoi grandi occhi azzurri. alto una mela o poco più. aveva paura cinque minuti fa. ora con i suoi libri in mano mi guarda e sorride. io e i bambini ci capiamo. mi racconta un sacco di cose, poi si gira e risponde in turco alla zia. ha appena quattro anni e parla in italiano, inglese e turco.

è un bambino bellissimo. e non solo perché sembra un angelo, perché lo è.

parliamo in tre lingue diverse e il tramite è lui. faccio una battuta, mi fa una linguaccia. ci guardiamo. sorridiamo. lui osserva la zia, si volta verso di me e dice scusa.

tesoro tu sei il futuro, la mia speranza, la mia gioia di domani.

Annunci

2 commenti

  1. Elis ha detto:

    Che meraviglia i bambini!

    Non lo dire al mio amore, ma io un giorno o l’altro mi “scordo” di mettere il cerotto e…

    …quanto voglio essere grande per poter badare a un piccolo!

    (eh no, Ratino non basta più :-()

  2. neru ha detto:

    tu sei già grande -come intendi tu!-
    a volte dico “prendo il primo che capita e oplà!” ma non si fa così. ho visto diverse donne fare così è non è una gran cosa. poi i bambini hanno bisogno di una mamma, di un papà e di una famiglia…

    sì i bambini sono una meraviglia poi ti sorridono e ti fregano. ultimamente mi si attaccano più del solito. mi raccontano un sacco di cose, mi prendono per mano e mi dicono questo e quello, toranano indietro per salutarmi. poi magari si fermano nel posto dove stanno, alzano la testa mi guardano, l’abbassano poi la rialzano, mi fissano dicono ciao e scappano via. quest’atteggiamento mi spiazza sempre!

    elis…però ratino è ratino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: