resoconti

ho provato. ho fallito. non importa. riproverò. fallirò meglio.

samuel beckett

va bene. va bene. e ci sono ancora le stelle in cielo e il sole di mattina. se cade la pioggia magari vedrò l’arcobaleno.

Annunci

9 pensieri su “resoconti

  1. fallire è un pò morire, solo che passa e si riprova per avere successo. E poi di nuovo, partendo dallo scalino più alto della memoria ed immemori del dolore della caduta.
    Notte Neru

  2. Sulla scia dell’ Alba dentro l’imbrunire!
    Dai, cara, arriveranno giorni migliori… magari domani ti svegli e ci sarà il sole… proprio come per Ratino (vediamo se colleghi)…
    E poi, ti ho fatto una piccola sorpresa…
    baci
    Elis 😉

  3. WILLY: il dolore non si scorda mai. e non è un problema. forse non amerei così la vita. il fatto è che non cerco successo, in ogni senso. forse questo è un problema. come sempre ti ringrazio per le tue parole. aiutano. e cmq non ho proprio fallito. è il mio metodo che è fallimentare.

    ELIS: bentornata cara. anche oggi c’era il sole! e… non c’è cosa più bella del primo sole di primavera! …come vedi…già fatto! 😉
    grazie per la sorpresa. è così bella che sto cercando di scrivere qualcosa ma sono emozionata e non ce la fo’! 😀

  4. mi piacerebbe il club di quelli che non competono, mi iscriverei e cercherei di far parte del direttivo, ma se me lo chiedono non in competizione. Non è un problema non cercare il successo, ma cosa farai se ti capiterà addosso, sarai responsabile, lo accoglierai? I miei fallimenti sono stati gravi lì per lì, poi si sono rivelati gradini. Ma Neru, alcune cose non le ho imparate mai e continuo a fidarmi degli altri.

  5. mi iscriverei anch’io a quel club, quanto lo vorrei.
    per me, ci sono tanti tipi di successo. finora sono scappata dal successo ma vorrei diventare come i “grandi” che lo accolgono senza importanza. per i “grandi”, il successo è una componente marginale, un ornamento sulla strada che percorrono.
    e se devo parlare dei miei fallimenti, direi che sono stati la mia forza.
    per il resto, do sempre fiducia agli altri fino a quando mi feriscono tanto da farmi sanguinare, il problema è che non mi fido di me. e questo è un vero problema.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...