l'alba dentro l'imbrunire

Home » Uncategorized » riassonanze

riassonanze

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

di cosa vivrai piccola faccia?

la tua casa sembra vuota ma

qualcuno ti aspetta

resti ferma

scivola un sole che entra e

riempie la stanza

ha sempre parole buone per me cristina donà, anche in questo venerdì notte chiuso da anelli di fumo e anelli azzurri da indossare. una piccola faccia la cui musica mi ricorda quella di bert jansch, ma non importa perché è bella da ascoltare.

nel nuovo disco, finalmente fra le mie mani grazie a cipi, tutto è già sentito ma al contempo nuovo, anche le sonorità che sanno entrarti comunque nella pelle e nel respiro.

chiedemi chiedimi cosa ne penso / ti lascerò scavare

da questa voragine / ti lascerò passare

domani passerò per lerici. non andrò a ferrara. andremo a trovare la caranza. per ora la solitudine abitata può lasciare spazio al pieno degli amici. mi perderò a guardare il mare e a barattare per avere un momento mio per leggere. andremo a mangiare ed eviterò abilmente le pose da lucertola al sole per trovare il mio spazio, che sia dolce e fresco. tutto questo se mi sveglierò per tempo.

guardo fuori ed è l’alba

come fuggono le ore da qui

ci dobbiamo salutare

ho visto solo stelle buone sulla tua pelle

se tornerai domani saprò darti quelle perse

e lascerò che tutto sia sospeso fino a quando non ci rivedremo

Annunci

3 commenti

  1. Di.Di.Di. ha detto:

    proposta della settimana

    F. Cilea: ADRIANA LECOUREUR (1902) Opera in 4 atti. Storia della celebre attrice amata da Voltaire. Una tra le opere più rappresentative del gusto “divertissement” settecentesco. Mirabila frase “…le audacissime impure, cui “gioia é tradir,
    una fronte di gelo, che mai,
    mai debba arrossir!”

    Simone Guiducci Gramelot Ensemble: DANCIN’ ROOTS (2004) con guiducci,beccalossi,alessi,succi,byron,dani,majore,milne.
    alla ricerca disperata di radici si arriva solo a una condizione di sradicati? Le radici di ciascun albero sono singole e ben piantate, ma i rami si protendono e danzano insieme tra loro.

    E. Ramazzotti: IN OGNI SENSO (1990). Perchè bisogna storcere il naso a dei cantanti italiani? ascoltiamoli.

    Beatles: REVOLVER (1966) La svolta sta arrivando con quest’album, che molti considerano quello vero della svolta invece che “Sgt Pepper’s…” dell’anno successivo. effettivamente gli arrangiamenti di Martin e l’aria psichedelica si sentono e si annusano. E’ qui la svolta!!!

    L. van Beethoven: Sonate per violino e pianoforte (selezione):
    Sonata in Fa maggiore op. 24 “la Primavera” (1801)
    Tre sonate op. 30 (In La maggiore, do minore e Sol maggiore) (1802)
    Sonata in La maggiore op. 47 “A Kreutzer” (1803)
    Un’aspetto del Maestro per eccellenza non troppo “celebrate” questi concerti da camera testimoniano un’aspetto della sua produzione TOTALE

  2. willy ha detto:

    Di.Di.Di. chapeau. Solo il Ramazzotti, mi sconfinfera meno, ma è quel pò di spocchia musicale che mi porto dietro.
    Per Neru:
    per due giorni ho scritto e costruito sulla sabbia e il mare, implacabile, ha cancellato tutto.
    Buon mare Neru

  3. neru ha detto:

    DI.DI.DI. sono contenta del tuo ritorno… ora ogni proposta meriterebbe un mio commento, in particolare adriana. proprio con te ho condiviso una sua rappresentazione questa stagione, no? poi pensavo a una scritta sul muro di una cucina cioè la mia. ma rimando a domani, vah! belle proproste però.

    WILLY: un po’ di spocchia musicale fa parte un po’ di tutti noi mi sa! 😉
    il mare è sempre implacabile anche il sole che illumina ogni cosa. e quando tutto è cancellato, forse il bello è riscivere e ricostruire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: