l'alba dentro l'imbrunire

Home » ammissioni » la mano sulla culla

la mano sulla culla

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

è la mano che governa il mondo.

mi sono ricordata di un post dove mi sono meravigliata che i rappresentanti di destra fossero tutte donne. molte madri.

e mi sono ricordata che le donne del berlusca si divertivano in campagna elettorale a fare torte e si divertivano a sentirsi dentro a un reality. si sono divertite un sacco a sentirsi protagoniste.

e mi sono ricordata che molte donne di destra sono veline o desiderano esserlo. e i culi fanno girare la testa e i voti.

e mi sono ricordata che molte donne di sinistra sono state sotto tono ultimamente. come se fossero stanche.

e mi sono ricordata che diverse mie amiche o conoscenti stanno con uomini di destra. molte sono amanti. altre sono tradite e lo sanno e fanno finta di niente o non lo sanno e fanno finta di niente. e non avevo mai creduto che qualcuno potesse pensare che fosse un problema di destra o sinistra, ma ho sentito discorsi strani, tipo: gli uomini di sinistra sono troppo idealisti, sono poco fedeli, sono indecisi, sono…

confesso, gli uomini di destra non ce l’hanno duro, tradiscono tanto quanto e insicuri tanto quanto.

confesso, la maggior parte degli uomini di destra che ho conosciuto sono tanto maschilisti che non potevo crederci.

confesso che la maggior parte degli uomini di destra usano spudoratamente le donne.

confesso che ho provato sulla mia pelle la differenza e la differenza si sente e non dico stronzate. con gli uomini di sinistra ho potuto discutere, litigare, ridere, scherzare, infervorarmi, vincere e fallire; per quelli di destra ora sono dolce, carina, una bambola, una donna per le mille occasioni di rappresentanza, una donna da usare perché risponde con gentilezza. una femmina che sa delle cose che possono servire. ma zitta e respira senza far rumore.

e questo è quanto.

detto ciò. auguri donne per i prossimi anni.

ah, un’idea fra le altre è dare incentivi alle donne perché restino a casa a fare i figli. nessuna rottura di palle sul lavoro che non sia decorativo.

d’accordo, è uno sfogo. è una mia personalissima visione.

e lasciatemi sfogare…

occhei, occhei.

UPDATE: ed emilio fede disse «…La domanda del nostro sondaggio è: ora che abbiamo vinto le elezioni, come ci spartiamo le donne della sinistra?» [corrado guzzanti in avanzi 1991]

Annunci

2 commenti

  1. fuliggians ha detto:

    “confesso, gli uomini di destra non ce l’hanno duro, […]
    confesso che ho provato sulla mia pelle la differenza e la differenza si sente e non dico stronzate.”

    ehi, femmina, ma lo sai che per fare sto genere di affermazioni occorrere ricorrere alla statistica dei grandi numeri??
    La domanda si pone spontanea: “quanti e chi?” 🙂 Dai sputtaniamoli!!

  2. neru ha detto:

    come sei materiale! 😀 ma va che io sono casta e pura! era solo una provocazione “anti bossiana”, nel senso di can che abbaia non morde!
    poi certo io ascolto…e se qualcuna mi racconta mica posso tapparmi le orecchie… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: