l'alba dentro l'imbrunire

Home » attività decerebrate » Il principe viola e la sposa

Il principe viola e la sposa

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

c’era una volta ma anche due volte fa o forse no, un principe azzurro che viveva in una casa lontano dalla città. in una notte buia e tempestosa, le lame si fecero affilate, i cuori in alto pavidi e freddi perché nessuno sapeva più che pesci pigliare. i villani erano stanchi e senza speranza.

nulla andava per il verso giusto e fu il verso del fool che accese la lampadina a petrolio del principe: trovare una sposa, trovare la ragione di una passione sopita e mai esperita. saltò in groppa al suo baio e si mise in cammino. il re e i suoi cavalieri potevano seguire in diretta, su uno schermo lcd, le ultime cavalcate e le spose rubate, ma nessuna faceva al caso irrisolto. paura e trepidazione solcarono i bei volti.

fu così d’incanto e di spavento che il principe s’imbatté nell’ultima sposa che pareva rimasta. era lei? come essere sicuri e poi perché? quale stella cometa la stava indicando? non capiva se fosse bella o brutta ma temeraria e spaventosa lo era di sicuro, così spaventosa che gli sembrò di quel colore tendente al brutto. e furono alla cartina di tornasole. il principe nel baciarla diventò viola per la vergogna che in diretta vedessero il frutto delle sue conquiste. fu allora che decise di rivolgersi alla ditta specializzata APPDPSPBPC [aiuto per principi disperati perché sposeranno principesse brutte] gestita dalle migliori streghe sulla piazza.

la strega piazzata lo guardò e gli disse hai due possibilità per risolvere il tuo problema.

la prima, eliminarla. e qui ti si apre un ventaglio alla nutella dove non devi dimenticare l’ingrediente principe e cioè l’indifferenza. puoi tradirla, strozzarla, pugnalarla, impiccarla, lapidarla, avvelenarla, congelarla, bruciarla, al rogo o alla brace, friggerla, farla bollita con brodo, però aggiungici un po’ di alloro e non dimenticare le patate, farla al forno, anche qui le patate ci stanno sempre bene.

la seconda, farla diventare rassicurante e ti apparirà da crisalide a bella.

il principe ci pensò su ma non più di tanto che non sapeva per quale motivo fosse disperato. fu allora che disse la seconda che hai detto. parola di quelo.

p.s. il principe non seppe mai come avesse fatto la strega a rendere sua moglie così bella

n.b. la strega non aveva mai visto la moglie del principe viola, figurarsi se ne aveva il tempo! un piccolo trucco da ragazze col gloss, un incantesimo agli occhi del principe e oplalà. solo lui vedeva la sua sposa meravigliosa

n.b.2 neru ringrazia blondie bike per aver scritto gran parte della storia e averla sceneggiata

n.b.3 la morale è sempre quella. tu cerchi la risposta, ma la risposta non la devi cercare fuori, la risposta é dentro di te, e peró é sbagliata! e allora chiedilo a quelo

che poi più forte dell’odio è l’amore. più forte dell’amore è… mike tyson, per esempio -ed è corrado guzzanti che docet, forevva END evvar-

Annunci

3 commenti

  1. fuliggians ha detto:

    ah aha aha, se le risposte fossero dentro di me, avrei studiato psicologia! E poi immagina che smacco, quando scopri che sono sbagliate!!! Le risposte sono la fuori! la verità è la fuori come diceva il mio amico di x-files!

  2. neru ha detto:

    secondo me sono le domande ad essere sbagliate!
    detto questo, per me guzzanti è un genio troppo poco apprezzato!
    le verità sono fuori? come me? bè andiamole a prenderle! compro la retina per le farfalle? poi vieni con me? 😉
    apropò non ti è piaciuta la storiella? ci ha messo mano anche mitile, a dir la verità! lo so lo so sono un genio incompreso! 😀

  3. neru ha detto:

    ecco diciamo che prima di fare il genio dovrei limitarmi a conoscere la lingua italiana! 😉
    vabbò sta primavera mi sta ammazzando! come diceva la goggi? che fretta c’era maledetta prmavera…lalalalà…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: