la sua generazione

trafficavo con le mie carte e mi è capitata fra le mani una canzone dell’irrinunciabile gaber. sono rimasta in silenzio con quel foglio in mano a leggerlo e rileggerlo. si chiama il desiderio e fa parte del disco la mia generazione ha perso. la prima cosa che ho pensato è stata la posto. cipi direbbe drogata. sì, forse. ma bei pensieri fanno buone azioni.

la prima cosa che ho fatto, è stata prendere un foglio e scrivere.

la sua generazione ha perso ma sta ancora al potere. e comunque persone della sua generazione hanno molto da dare.

la mia generazione è alle porte e ha bisogno di capire e imparare.

e se qualcuno aveva un sogno, io ho un desiderio.

perché i sogni son desideri… e quella “gran culo” di cenerentola alla fine ha sposato il principe azzurro e pretty woman, del resto, richard gere! 😉

Amore
non ha senso incolpare qualcuno
calcare la mano
su questo o quel difetto
o su altre cose che non contano affatto.

Amore
non ti prendo sul serio
quello che ci manca
si chiama desiderio.

Il desiderio
è la cosa più importante
è l’emozione del presente
è l’esser vivi in tutto ciò che si può fare
non solo nell’amore
il desiderio è quando inventi ogni momento
è quando ridere e parlare è una gran gioia
e questo sentimento
ti salva dalla noia.
Il desiderio
è la cosa più importante
che nasce misteriosamente
è il vago crescere di un turbamento
che viene dall’istinto
è il primo impulso per conoscere e capire
è la radice di una pianta delicata
che se sai coltivare
ti tiene in vita.

Amore
non ha senso elencare problemi
e inventar nuovi nomi
al nostro regredire
che non si ferma continuando a parlare.

Amore,
non è più necessario
se quello che ci manca
si chiama desiderio.

Il desiderio
è la cosa più importante
è un’attrazione un po’ incosciente
è l’affiorare di una strana voce
che all’improvviso ti seduce
è una tensione che non riesci a controllare
ti viene addosso non sai bene come e quando
e prima di capire
sta già crescendo.
Il desiderio è il vero stimolo interiore
è già un futuro che in silenzio stai sognando
è l’unico motore
che muove il mondo.

Annunci

2 pensieri su “la sua generazione

  1. Io dallo stesso album sceglierei (e magari lo faccio sul mio blog dai!, così una canzone a testa facciamo tutto l’album) “Qualcuno era comunista”, che tanto sta bene a manifestare il mio rammarico.

  2. due miserie in un corpo solo? o gesu!
    sì sì postiamone una a testa!
    non è incredibile come sia schifosamente attuale?
    qui ci sono troppe maree! ora faccio due chiacchiere alla luna. perché mi sa che la luna bussò e qualcuno rispose un altro no! e allora andiamo giù fra stracci e amore dove il lusso è una fortuna… 😉
    dai, se guardiamo bene, questa è un’occasione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...