l'alba dentro l'imbrunire

Home » ammissioni » mediterranea

mediterranea

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

il faut être léger comme l’oiseau, et non comme la plume diceva paul valéry.

italo calvino cita questa frase per parlare di scrittura. oggi io la scrivo per parlare di danza.

ieri sul palco dell’arcimboldi ho assistito alla meraviglia dei gesti e a un sogno di leggerezza. ma ciò che mi ha colpito di più è stata l’imperfezione nel tentativo di essere perfetti. ed è ciò che mi colpisce in tutte le arti da sempre, fra cui rientra la vita che è una forma d’arte misteriosa.

bisognerebbe amare l’imperfezione dell’uomo.

Annunci

2 commenti

  1. Di.Di.Di. ha detto:

    e che dire? il passaggio da Palestrina alla sovrapposizione dei ritmi magrebini, per poi cedere completamente il passo a queste sonorità è stato di quanto più leggero e perfetto (oso nominare questa parola) ci potesse essere!
    I 30 sul palco si muovevano come in un sogno: leggeri, allo stesso tempo “fisici” ed espressivi nella loro “muscolarità”, aleggiavano in un continuo turbinio di ritmi mediterranei, appunto.

  2. neru ha detto:

    sìsì un sogno. bello…e noi non ci siamo nemmeno visti! 😦
    ma c’abbiamo o no i gusti similissimi? ahahah! …certo non potrei lavorare con te altrimenti! o sì? 😉
    ora. fai un respiro profondo e dimmi: con chi eri al balletto? vietato rispondere quello che mi hai detto per telefono! 🙂 …masculo senz’anima sei! ahahah!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: