ecco

quando si è in un pasticcio tanto vale goderne il sapore. confucio

come è possibile che per quanto mi dia da fare, tutto quello che riesco ad ottenere è il meglio di ciò che mi capita?

lo so, non è poco. eppure impiego tutte le mie energie per dirigermi verso un obiettivo che non centro. goditi il panorama, mi sono sempre detta. occhei, lo faccio e infatti sono una persona tendenzialmente felice. ma quegli obiettivi sono sempre lì a dirmi chi sono e cosa voglio fare. non ho paura di raggiungerli. se fosse così -se li raggiungessi, cioè- potrei dedicarmi finalmente ad altro. è spossante avere l’impressione di arrancare, soprattutto in primavera.

e visto che siamo in primavera e che gli ormoni cominciano a ballare passando da una verde milonga a un cha cha cha, desidero incontrare chi saprà ripetermi un giorno non lontano queste parole di jim morrison.

smetterò di amarti solo quando un pittore sordo riuscirà a dipingere il rumore di un petalo di rosa cadere su un pavimento di cristallo di un castello mai esistito.

chiedo troppo?

quando l’ho letto a mitile, lei mi ha detto: fatti di meno o fatti meglio.

Annunci

8 pensieri su “ecco

  1. Io al massimo morrison lo so citare così: “Non tradire chi ti sorride: potrebbe avere la morte nel cuore e regalarti ugualmente un po’ di vita.”

    va bene lo stesso? 😀

  2. BUCKY: benissimo! ma chi sorride, a meno che non sia una paresi, non ha mai veramente la morte nel cuore… almeno credo 😉

    ASENDED: ecco! un po’ come il tuo nick, insomma! 😀 ma c’hai l’alfa privativo? in effetti, però la frase…
    vabbè, adesso farò la parte di quella che spiega la barzelletta che è una cosa tristissima. però penso che tu non abbia le basi, nel senso che magari non hai letto i post precedenti. il senso della frase è che per me i sempre e i mai sono forieri di passione e ultimamente in giro vedo un po’ poca passione… sigh!

  3. ahahah! beccata! grande arkika mi inchino alla tua immensa perspicacia e saggezza! tutto è nato dal commento di mitile che mi ha fatto spisciare pensando a jim morrison e alle sue abitudini… poi ho pensato al sempre… e poi agli obiettivi… insomma un post costruito a ritroso. e infatti la conclusione è che sono in un pasticcio! 😉

  4. ARKIKA: ahhhhhh! non sei la prima che mi paragona alla mitica bridget. mi sa che un po’ la ricordo, ma per i modi! dai che non le somiglio fisicamente a parte la blonditudine cenere! oh, io la trovo proprio bruttina! 😀
    ecco, se poi le devo assomigliare, voglio fare assolutamente quella scena dove si butta col paracadute! organizziamo? 😉

    LALI: uh, bentorata! diciamo che mi sono segnata la tua di munari sulla capacità di semplificare! in particolare dove dice “e per togliere bisogna sapere che cosa togliere”. ora ne avrei proprio bisogno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...