l'alba dentro l'imbrunire

Home » attività decerebrate » grazie cavaliere

grazie cavaliere

e tu scrivimi se ti viene la voglia

neru.nomercy@gmail.com

oh my mood!

My Unkymood Punkymood (Unkymoods)

sveglia twittare!

fotine della neru su Flickr

c’est tout

vanité des vanités. tous est vanité et poursuite du vent. ces deux phrases donnent toute la littérature de la terre. vanité des vanités, oui. ces deux phrases à elles seules ouvrent le monde:le choses, le vents, le cris des enfants, le soleil mort pendant ces cris. que le monde aille à sa perte. vanité des vanités. tout est vanité et poursuite du vent. c'est moi la poursuite du vent.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 25 follower

per capirci

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Scrivo solo quando ho da scrivere e racconto se non posso farne a meno. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Marchi, immagini e contenuti citati in queste pagine sono dei rispettivi proprietari. Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

stattaccuorta

altri

grazie all’uomo che ha finalmente dato voce al pensiero dei maschi e soddisfatto un desiderio profondo delle femmine, quelle vere, quelle che sanno stare al loro posto!

ma quale emancipazione? e quale lavoro? diciamolo finalmente! le donne vogliono solo sposare un uomo ricco, farsi mantenere e pensare unicamente a un’attività che già da sola è stressante: lo shopping! a cosa servono i soldi se non per comprare e comprare e comprare ancora, per poi buttare e buttare ancora finchè non ci sarà più niente da comprare a da buttare?

no no, a casa devono stare le donne! non devono lavorare, non devono leggere che poi pensano e rompono le palle. l’istruzione sì però, che fa status. devono fare un po’ di sport per mantenere i glutei alti e la tonicità di seno e ventre. e se sono mogli devono fare figli, non così le amanti. ma le mogli non devono temere di occuparsi e preoccuparsi dei loro figli perché ci sarà una tata extracomunitaria per loro -una volta forse avremmo detto negra-. insomma diciamocelo, finché i bimbi sono piccoli, sono tanto carini, un po’ come i peluches, ma quando piangono e fanno i capricci, rompono davvero e le donne non devono essere costrette a ricorrere troppe volte alla plastica per togliere le rughe causate da troppo stress.

caro cavaliere lei sì che è un uomo con i controattributi, un vero esempio. due famiglie dichiarate, cinque figli, nessuna moglie che lavora, forse nessuna moglie convivente, amiche sparse qua e là. tanti soldi, tanto potere. solo per questo lei è un uomo che vale! si vede anche dalla sua statura!

guardi, io è una vita che lo dico! non mi sono ancora sposata perché cerco un uomo come lei, ricco ricchissimo, che mi faccia mettere i piedi sul tavolo e mi paghi la palestra, l’estetista, tanti vestiti, tante cene, tanti viaggi, tanti gioielli, tante case, tante cose. ma ogni volta che ne trovo uno, non è mai abbastanza ricco. com’è possibile? questo è un vero problema! ha una soluzione anche per me?

io auspico un mondo popolato da donne così, che non pensino se non alla soddisfazione fisica ed estetica del loro uomo e da uomini proprio come lei che sanno prendere per il culo l’umanità.

grazie.

Annunci

10 commenti

  1. myskin ha detto:

    “ma quale emancipazione? e quale lavoro? diciamolo finalmente! le donne vogliono solo sposare un uomo ricco, farsi mantenere e pensare unicamente a un’attività che già da sola è stressante: lo shopping”

    “guardi, io è una vita che lo dico! non mi sono ancora sposata perché cerco un uomo come lei, ricco ricchissimo, che mi faccia mettere i piedi sul tavolo e mi paghi la palestra, l’estetista, tanti vestiti, tante cene, tanti viaggi, tanti gioielli, tante case, tante cose”

    ciao neru, una sorta di antifemminismo distopico…

  2. willy ha detto:

    Perchè frequenti troppi metalmeccanici, Neru, eppoi attraversi il parco in bicicletta per andare a lavorare. Hai gusti maleducati, dici le cose che pensi, fai magari quello che dici. Ma non ti pare che per avere un milionario dovresti almeno rinunciare all’amore, alla sensibilità, alle incazzature. Eh che diamine, mica si può avere tutto dalla vita: il lavoro, la retribuzione, i sentimenti, la casa, bisognerà pure rinunciare a qualcosa.

    A me incazzata piaci, ma non sono milionario

  3. coltrane ha detto:

    invoco la parità.
    Cara Neru, se incontri un milionario e te le sposi poi puoi cercarti un amante povero in canna, così contribuisci alla redistribuzione del reddito. nel caso sai dove trovarmi 😉

  4. ARKIKA ha detto:

    Oh! ma come siamo drammatici!! eddai io lo vorrei proprio un bel ricco rinco che mi mantenga! non dovrei più pagarmi cerette e palestra. cene e rinfreschi! vacanze in barca e in aereo! ma Neru, ma cosa abbiamo capito fino adesso noi povere illuse? ci voleva questo “mitico” esemplare per spiegarci come bisogna cavarsela se sei una povera donna precaria che cerca solo di vivere in modo dignitoso. APPLAUSI X FIBRA!

  5. neru ha detto:

    ragazzi calma!
    il senso del post, se riesco a spiegarmi, è questo. berlusconi ha detto una cosa che gran parte della massa pensa o desidererebbe perchè la vita è dura e a volte vorremmo che tutto si risolvesse magicamente sotto la bacchetta magica della fatina buona. lui non pensa sta cosa che ha detto. fa gioco al suo desiderio di potere e di sembrare vero e fatina liberatrice. ci vuole appiattire su dei valori falsi che alla resa ei conti non piacciono nemmeno a noi e ci rendono tristi. fare fatica per raggiungere un obiettivo, vivere con passoione le lotte, qualsiasi lotta ci fa sentire vivi. chi tiene il potere non vuole questo da noi, non vuole che ci sia il desiderio e la possibilità di essere unici. vuole tante pecore insoddisfatte che sognano di essere ricche e soddisfatte. mi spiego? la sua affermazione non solo è stupida ma è subdola. pedina va buò, ma al ritmo di rumba, miseria ladra!
    è per qusto che lui e le persone come lui mi fanno paura. non c’è molto spazio per ridere purtroppo.

    però grazie ragazzi. mo’ vi tengo in considerazione.
    ah, per dire le donne preferiscono un uomo con dei valori, che sappia darsi da fare e sappia abbracciarle davvero. i soldi finiscono, vanno e vengono. le donne cercano la vera stabilità, altrochè!

    ARKI: a me nun piasce fibra ma mo’ me lo vado a guadare! te vojo bene cara perchè a volte tu parli parli ma sei una vera donna! e lo dicono le tue scelte! 😉

  6. neru ha detto:

    mi stavo dimenticando

    MYSKIN: lo sai che a volte sei troppo intelligente per me! 😉 mi spieghi bene cosa intendi per antifemminismo distopico?

    COLTRANE: ma che idea geniale! ma perchè non l’ho fatto prima? 😉 non ho mai pensato che avrei potuto rigirarla così…una robin hood -anche dell’ammoore- del ventunesimo secolo!
    madò mi devo applicare di più. se penso alle opportunità perse…e si allontanò di nuovo scuotendo la testa e per finire si stracciò le vesti!

  7. mitile ignoto ha detto:

    …ecco, siamo alle solite!Lo sapevi, no, che l’avrei detto…e le lesbiche?le donne, vere donne, ma…helàs!lesbiche?chi si devono trovare?Una miliardaria che le mantenga?e come dividono il loop palestra,shopping, estetista con riunioni, cene e viaggi di lavoro, celodurismo?chi deve fare cosa?…cribbio!

  8. neru ha detto:

    no, non l’avrei detto ma ti dico brava! penso che valga lo stesso discorso. ma perchè le lesbiche non sono vere donne? sono donne a cui piacciono le donne, mi pare. il dicorso è più complesso. il problema è che non conosco il loro mondo reale ma solo quello letterario che è diverso. e quindi non so dire. sono più ferrata sui gay ma anche qui non c’entra perchè si parlava di stereotipi di sesso fenninile e non di psiche femminile. mi spiace non so essere esauriente ma non sono onniscente…

  9. neru ha detto:

    ops ci ho pensato e jeannette winterson mi ammazzerebbe se leggesse quello che ho scritto! un artista è sempre un artista e uno scrittore è uno scrittore, indipendentemente dalle sue inclinazioni sessuali. dunque non posso dire nemmeno di conoscere il mondo letterario delle lesbiche. cioè non scrivono perchè lo sono ma scrivono perchè sono artiste. madò sono caduta in uno stereotipo comune! spero di essermi spiegata!

  10. ARKIKA ha detto:

    non lo conosco neanch’io Fibra, xò veniva bene…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: