stupiscimi ancora

non sono una figlia che ama sostare a casa dei suoi genitori. è difficile convincermi ad andare da loro, perchè vorrei stare a casa mia dato che ci sto così poco. ma mia mamma ha la parola magica. pizza.

la pizza alla casa natale è una tradizione ed è l’unica cosa a cui non so resistere. perciò se mia mamma è decisa ad avemi lì e decide di giocare tutte le sue carte, mi telefona e mi dice oggi faccio la pizza, sei dei nostri?

così ieri ero lì.

se mai qualcuno nell’etere si domandasse com’era la pizza, gli risponderei ottima, grazie.

la ragione per cui lo racconto invece è che l’occasione mi ha dato motivo di stupirmi.

sul tavolo all’ingresso c’era un grosso mazzo di rose rosse. ora la cosa è un po’ strana dato che le ricorrenze o sono appena passate o arriveranno tra poco.

la mia faccia era un punto interrogativo, quella di mia mamma un sorriso, quella di mio papà non saprei, a metà fra l’indagatore, il sodifatto e l’adesso ti frego.

a domanda, la risposta mi ha colto impreparata. le rose erano lì per ricordare il primo bacio che si sono scambiati i miei genitori. il primo bacio di due adolescenti che dopo quello hanno detto eh, sì allora stiamo proprio insieme. cioè una cosa di 56 anni fa!

cioè questi due, dopo tutto quello che hanno passato si ricordano del primo bacio. con un solo gesto hanno buttato alle spalle mille delusioni e sono andati a ripescare sta cosa.

cioè quest’uomo grade e grosso, poco incline agli slanci di affetto, regala alla donna con cui, nel bene e nel male, ha vissuto da sempre, delle rose per ricordare qualcosa di leggero come una piuma eppure, a sto punto, forte come l’acciaio.

non mi interessa sapere se è una cosa che contraddistingue le persone anziane, non mi interessa sapere se è una cosa passeggera, non mi interessa conoscere il prima o il dopo. so solo che questa è una cosa bellissima e che mi ha lasciato, dopo tanto tempo, senza parole.

Annunci

4 pensieri su “stupiscimi ancora

  1. anch’io ho trovato, varcando la porta di casa, il 14, delle orchidee in un vaso…e non erano per me, ma il regalo di mio padre a mia madre..dopo tutto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...